di

Ogni automobile di nuova generazione è più sicura rispetto alla precedente, anche grazie a tecnologie in continuo sviluppo. Per questo motivo EuroNCAP aggiorna ogni due anni le sue modalità di test. Scopriamo le novità di questo 2020.

Da quest'anno, come si legge nel New Car Assessment Programme di Bruxelles, cambia la barriera utilizzata nei test di urto frontale, con le auto lanciate a 50 km/h contro una barriera mobile da 1.400 kg e con il 50% della sezione anteriore interessata. L'impatto laterale guadagna parametri più severi e viene introdotta la prova Far Side Impact, per valutare i danni subiti da un conducente seduto sul lato opposto rispetto a quello colpito.

Inoltre viene aggiornato il manichino che riproduce le fattezze di un uomo adulto e vengono utilizzate nuove situazioni di marcia per classificare i sistemi di frenata automatica d'emergenza; in auge dal 2014, questi test avranno ora tre scenari differenti, calcoleranno il punto di arresto di una vettura in totale autonomia, analizzeranno il comportamento della vettura in prova rispetto a un veicolo posto davanti prima a bassa velocità e poi con una frenata improvvisa, per capire quanto siano efficienti i sistemi elettronici di bordo.

Per la prima volta poi verranno valutati sistemi in grado di rilevare la stanchezza del conducente, che effettivamente stanno iniziando a comparire sul mercato. In questo 2020 EuroNCAP porrà molta attenzione anche in merito alla facilità e alla rapidità di salvataggio delle persone dopo un incidente, per capire quanto sia semplice estrarre i passeggeri intrappolati nelle lamiere dopo un urto.

FONTE: EuroNCAP
Quanto è interessante?
2