L'erede della Lamborghini Aventador arriva quest'anno? Ecco i primi dettagli

L'erede della Lamborghini Aventador arriva quest'anno? Ecco i primi dettagli
di

Lamborghini ha lanciato sul mercato la sua fantastica Aventador oramai da molti anni e adesso, col sopravanzare delle tecnologie per l'ibridazione, pare che non manchi molto alla presentazione ufficiale della sua erede legittima.

In effetti la Aventador è in produzione da ben dieci anni e, mentre riesce comunque ad offrire ai clienti delle prestazioni eccezionali anche grazie alle ultime e potenziate varianti, comincia lo stesso a concedere il fianco ai modelli della concorrenza.

Per il momento la supercar (o hypercar) sua erede resta avvolta dal mistero, ma secondo dei recenti report la vettura potrebbe utilizzare una versione migliorata del solito V12 aspirato da 6,5 litri, il quale muove la spettacolare Sian in edizione limitata. Se la direzione del team di Sant'Agata Bolognese dovesse essere questa, vedremo in circolazione una sorta di Sian sotto steroidi, che potrebbe magari mettere da parte il supercondensatore per abbracciare una filosofia plug-in hybrid con un pacco batterie agli ioni di litio.

Ci teniamo a ricordare che la Sian mette sull'asfalto ben 819 cavalli di potenza, e ad oggi ci si aspetta che la prossima macchina del brand possa mettere in campo un output pari se non superiore. In base alle voci di corridoio Lambo potrebbe rivelarla già nel corso di quest'anno, ma il via alla produzione dovrebbe partire dal 2022.

Stephan Winkelmann, attuale CEO del marchio italiano, nel frattempo sta già pensando ad una strategia che permetta a Lamborghini di portarsi con successo al 2030 e oltre, data nella quale i motori termici tradizionali potrebbero abbandonare per sempre la scena:"La mia più grande sfida è quella di attuare una strategia chiara per quello che accadrà dopo il 2030, per seguire la prossima generazione non soltanto in termini di prodotto ma anche come visione del significato che questa avrà per il brand." Queste le parole di Winkelmann per Autocar.

In pratica Lambo punterà ancora per un po' sui motori a combustione interna, ma è estremamente probabile che dal 2030 in poi dovrà per forza di cose abbandonarli, e dal nostro canto non vediamo l'ora di capire come il produttore si evolverà per fronteggiare tale sfida.

Una tattica già chiarificata concerne l'abbandono del focus sulla velocità massima: il brand del Toro si concentrerà sull'handling e in seconda battuta sull'accelerazione. I primi passi in questa direzione in realtà li abbiamo già visti: ecco a voi l'estrema Lamborghini Huracan STO.

FONTE: carscoops
Quanto è interessante?
1