Ecotassa flop: previste vendite in calo e perdite IVA superiori ai ricavi

Ecotassa flop: previste vendite in calo e perdite IVA superiori ai ricavi
di

Con la creazione della nuova ecotassa 2019, il Governo ha pensato sì alla salvaguardia dell'ambiente (disincentivando l'acquisto di auto a medie/alte emissioni) ma anche al recupero di parte dei soldi destinati agli incentivi 2019. Peccato che la soluzione potrebbe tornare indietro a mo' di boomerang, secondo le associazioni dei produttori.

Anfia, Unrae e Federuto sono tra le più contrarie al provvedimento, in prima linea per il ritiro o un corposo cambiamento in Senato. Le associazioni prevedono una forte destabilizzazione del settore, che dà lavoro a 200.000 operai, dunque si corre un grande rischio - legato soprattutto a un ipotetico calo delle vendite.

È proprio per questo motivo che la proposta rischia di ritorcersi proprio contro il governo, poiché meno vendite equivalgono a un gettito IVA inferiore. Le associazioni di categoria prevedono, con l'ecotassa passata alla Camera, un calo compreso fra l'8 e il 12% nel corso del 2019, rispetto all'anno attuale.

In termini materiali, le perdite di IVA e IPT si attesterebbero attorno ai 500 milioni di euro, soglia ben più alta dei 370 milioni che il Governo spera di riprendere con l'ecotassa. Nel caso in cui i calcoli fossero realistici, si tratterebbe davvero di un colpo autoinflitto per il Governo, senza calcolare il danno all'industria dell'auto. Contro il provvedimento c'è anche il Gruppo FCA, come vi abbiamo raccontato poco fa, la vita dell'ecotassa dunque si complica sempre di più.

Quanto è interessante?
5

Le Offerte e le parti di ricambio per Auto e Moto in offerta su Amazon.it.