Ecco come evitare le truffe sulle assicurazioni false

Ecco come evitare le truffe sulle assicurazioni false
di

Sempre più italiani si stanno rivolgendo al Web per cercare di risparmiare qualche soldo sulle assicurazioni auto. Con un totale di circa 38 milioni di automobili e 6 milioni di motocicli presenti nel nostro Paese, quello delle RC auto e moto è un business che fa però gola anche ai malintenzionati.

Secondo un nuovo studio di mUp Research per Facile.it, nel 42% dei casi ci si rivolge a internet per cercare informazioni su come risparmiare. Non è raro dunque, soprattutto per gli automobilisti meno avvezzi alla tecnologia e un po' meno smaliziati, incappare in truffe sulle false assicurazioni. Ecco dunque alcuni metodi per difendersi ed imparare a diffidare di potenziali furbetti e dunque prevenire i tentativi di frode (a proposito, date un'occhiata anche alla nostra guida alla scelta dell'assicurazione auto).

Innanzitutto è sempre bene farsi fare un preventivo da operatori autorizzati. Se dunque non conoscete il nome della compagnia in questione, fatevi un giro sul sito dell'IVASS, dove è disponibile una lista di tutte le agenzie assicurative autorizzate ad operare in Italia. Se stiamo parlando di intermediari invece, questi ultimi per legge devono pubblicare sul proprio sito alcune informazioni tra cui: dati identificativi, sede legale, recapiti telefonici, telematici e relativi ai reclami, prova dell'iscrizione all'IVASS. Se dovesse mancare anche uno solo dei dati in questione, forse è bene effettuare ricerche più approfondite. Inoltre, tendete a diffidare dei siti che iniziano per http anziché https: anche quello può rappresentare un segno di scarsa sicurezza.

Un altro buon metodo per riconoscere una truffa è quello di restare sempre nei canali di comunicazione tradizionali. Se vi chiedono di comunicare tramite WhatsApp o altre piattaforme di messaggistica istantanea, rifiutate sempre.

Leggete sempre bene il contratto che state per firmare. Può sembrare una banalità, ma è una pratica indispensabile, ed è un vostro diritto chiedere delucidazioni su eventuali parti non chiare. Cercate sempre di comprendere (o di farvi spiegare bene) le parti relative ai massimali, le franchigie e le eventuali esclusioni (eventuali altri guidatori, minori di 26 anni, eccetera).

Anche per quanto riguarda i pagamenti, che poi è la parte che principalmente interessa ai truffatori naturalmente, prestate la massima attenzione. Utilizzate anche in questo caso solamente canali tradizionali, evitate sempre servizi di trasferimento di denaro come Western Union et similia, e le ricariche su carte prepagate. Richiedete esclusivamente metodi trasparenti e tracciabili.

Infine, controllate sempre i documenti che vi vengono inviati. Non spaventatevi se la vostra compagnia li manderà solamente via e-mail anziché tramite posta ordinaria: è una pratica lecita e sempre più adottata. Controllate però che tutti i dati siano corretti e soprattutto che siano elencati tutti i servizi che avete sottoscritto.

Per controllare l'effettiva buona riuscita della propria assicurazione, è possibile collegarsi al portale dell'automobilista, dove è sufficiente inserire il proprio numero di targa per verificare se la copertura assicurativa è in vigore.

FONTE: Facile.it
Quanto è interessante?
3