di

Nella calura estiva di quest’ultimo weekend di luglio, per gli appassionati di motori non c’è soltanto la Formula 1, ma anche la 24h di Spa Francorchamps, un evento molto amato e iniziato col botto, in tutti i sensi. A pochi minuti dal via infatti, la combinazione di curve Eau Rouge-Raidillon ha cominciato a fare selezione con un incidente pauroso.

Jack Aitken è lo sfortunato protagonista della vicenda, che ha perso il controllo della sua Lamborghini Huracan GT3 del team Emil Frey arrivato sulla sommità della mitica salita dell’Eau Rouge. Il pilota a sbattuto con violenza nelle barriere interne, che lo hanno poi rimbalzato in mezzo alla pista, in un punto pericolosissimo perché per i piloti che seguono è un punto ceco.

Pochi istanti dopo, ironia della sorte, è stato preso in pieno proprio dall’auto del compagno di squadra Franck Perera, ma il dramma non è finito qui. Il botto è stato talmente violento da scagliare detriti in ogni dove, e nel marasma generale sono rimasti coinvolti anche Davide Rigon, a bordo della Ferrari 488 GT3 EVO del team Iron Lynx, e Kevin Estre, il pilota Porsche vincitore della 24h del Nurburgring andata in scena lo scorso giugno.

Le auto hanno dimostrato, ancora una volta, di aver raggiunto una sicurezza talmente elevata da sembrare quasi irreale. C’è da dire che della Lamborghini Huracan numero 114 non è rimasto praticamente nulla: il muso è sparito, così come non c’è più traccia del motore V10 di Sant’Agata Bolognese, come si vede durante le fasi di sgombero della pista, dove è stato caricato sul carroattrezzi ciò che restava della vettura, ossia il roll bar che avvolge l’abitacolo - potrebbe essere comodo per la costruzione di un’altra “Jumpacan” - a cui è rimasta attaccata soltanto la ruota anteriore destra.

Fortunatamente tutti i piloti ne sono usciti quasi illesi, con Aitken che ha riportato la frattura di una clavicola e di una vertebra, mentre Davide Rigon dovrà portare un busto per precauzione. Gli altri piloti coinvolti invece tornano a casa soltanto con un grosso spavento.

Quanto è interessante?
3