Dyson rinuncia definitivamente alla produzione di un'auto elettrica

Dyson rinuncia definitivamente alla produzione di un'auto elettrica
INFORMAZIONI SCHEDA
di

La Dyson, attraverso il suo fondatore Sir James Dyson, ha annunciato di aver completamente rinunciato all'idea di produrre un'auto elettrica. Doveva costruire un crossover in grado di rubare quote di mercato a Tesla, con investimenti da 3 miliardi. Alla fine si è risolto tutto in un buco nell'acqua e il progetto è stato chiuso.

Nella sua email ai dipendenti dell'azienda, James Dyson ha spiegato che nonostante tutti gli sforzi dell'azienda, non sono riusciti a trovare un investitore interessato a sostenere il progetto. Alla fine hanno avuto ragione gli analisti che, quando un paio di anni fa Dyson annunciò l'intenzione di entrare nell'automotive, sostenevano che l'azienda non avesse i mezzi e il know-how per compiere un'operazione così titanica.

Dyson parla di impossibilità di commercializzare un'auto elettrica in modo sostenibile, facendo intendere che i costi sono davvero troppo alti per portare ad un risultato profittevole. Specie in assenza di partner che abbiano creduto nei loro sforzi.

Ma nulla è perduto, James Dyson ha spiegato che il lavoro incredibile del team che la lavorato al progetto ha comunque portato a passi in avanti significativi in materia di intelligenza artificiale, batterie allo stato solido e robotica. Tutte cose che faranno comodo e saranno portate avanti ulteriormente dall'azienda nella produzione dei suoi elettrodomestici.

Dyson ha anche promesso che nessuno dei 600 dipendenti assunti nella produzione del veicolo elettrico perderanno il lavoro. Dovrebbero, bene o male, venire tutti ricollocati. Tuttavia chi volesse dedicarsi ad altro è comunque libero di concordare la sua uscita dalla Dyson con la dirigenza.

Quanto è interessante?
3