Dominio Red Bull verso la fine? 'FIA e FOM cambieranno le regole, anche la Ferrari...'

Dominio Red Bull verso la fine? 'FIA e FOM cambieranno le regole, anche la Ferrari...'
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Alla FIA e al FOM non piacciono le auto di Formula 1 che dominano troppo lasciando il vuoto dietro di se. Ne è convinto Richard Bradley, vincitore della 24 Ore di Le Mans del 2015, pilota di grande esperienza e qualità.

Parlando in occasione del podcast On Track GP, si è soffermato sul dominio Red Bull per il mondiale 2023, monoposto che con grande probabilità diverrà la più vincente di sempre battendo anche la McLaren MP4/4, sottolineando come, a suo modo di vedere, a breve interverranno la Federazione internazionale delle automobili e il Formula One Group, per rivedere il regolamento, bloccando così l'ascesa della scuderia di Milton Keynes.

"FOM e FIA - racconta Bradley - progettano sempre delle regole appositamente per 'fregare' la squadra che è in testa in quel momento, perché vogliono letteralmente abbattere quella squadra. L'abbiamo visto nel corso della storia. Lo hanno fatto con la Williams quando si sono sbarazzati delle sospensioni attive e di tutti gli ausili elettronici. Lo hanno fatto per la Ferrari, quindi all'improvviso la Renault è diventata dominante ed è stato allora che Fernando Alonso ha vinto i suoi campionati. Si può dire che prenderanno di mira la Red Bull. Scopriranno cosa rende debole la Red Bull e cercheremo di sfruttarlo. Arriverà un momento in cui la Red Bull perderà e un'altra scuderia potrebbe prendere il suo posto”.

Sono molti quelli convinti che Red Bull si stia nascondendo per evitare di mostrare il suo reale potenziale, e tale strategia non si può che non associare alle parole di Bradley. Anche “limitandosi” però, la squadra di Max Verstappen, che probabilmente diverrà il pilota più forte al mondo, si sta rivelando assolutamente devastante per tutti gli altri team, di conseguenza l'ipotesi prospettata dal vincitore di Le Mans è tutt'altro che campata in aria.

E a proposito del pilota olandese, Bradley si dice convinto che il suo destino sarà a tinte rosse: “Lo vedo voler riportare la Ferrari alla gloria che ebbe con Schumacher, nei prossimi anni. Quando ciò potrebbe accadere, non ne siamo sicuri. È ancora giovane e ha ancora tempo, ma probabilmente dopo i prossimi cinque anni, se dovesse vincere i prossimi 5 mondiali, credo che sia un'ipotesi molto reale, specialmente se le regole non dovessero cambiare fino al 2026”.