INFORMAZIONI SCHEDA
di

Un esemplare di Dodge Charger del 1968 non è solito dare spettacolo in derapata al Goodwood Festival of Speed, ma è proprio quello che è successo la settimana scorsa in occasione dell'edizione 2021 dell'evento motoristico del West Sussex.

La vettura ha infatti partecipato alla Driftkhana con grande abilità grazie alla guida precisa di Alexandre Claudin. In Europa pochissimi appassionati hanno posato gli occhi sulla macchina, ma con una serie di pazzesche modifiche è riuscita a brillare nonostante l'agguerrita competizione.

Giusto per citare qualche ritocco possiamo tirare in ballo la carrozzeria rinforzata, gli assi presi di peso da una Porsche Cayenne Turbo e l'implementazione prima di un possente propulsore V8 S62B50 derivato da una BMW E39 M5, e poi dell'attuale V8 LS6.

Nonostante la sua immensa taglia e le origini del tutto opposte a gare simili, la Dodge Charger è andata di traverso come poche altre eseguendo donuts perfetti, derapate precise e rabbiosi sbuffi di fuoco dagli scarichi. Attraverso il video in alto è possibile ammirare non soltanto la tosta americana, ma anche una BMW E92 M3 guidata da James Deane, una Nissan Silvia S15 in livrea rossa e nera e persino l'incredibile Ford Mustang Mach-E 1400.

Prima di chiudere vogliamo mostrarvi proprio le capacità in pista di quest'ultima. Innanzitutto è un vero e proprio mostro della drag race grazie ad una potenza inarrivabile e alla propulsione elettrica, ma come avrete già notato non disdegna le derapate: l'anno scorso il Goodwood Festival of Speed è stato annullato per via della pandemia di coronavirus, ma ad ottobre è stato organizzata la Goodwood SpeedWeed, dove la EV dell'Ovale Blu ha di certo rubato la scena.

FONTE: carscoops
Quanto è interessante?
1