di

Simon Weckert è un artista di Berlino che sperimenta le possibili correlazioni tra mondo digitale e mondo reale, e questa volta ha portato alla luce un'idea molto particolare.

Ha infatti messo assieme 99 smartphone, nessuno dei quali è utilizzato per fare chiamate o per sfruttare altre funzioni che non siano Google Maps. L'accrocco di oggetti ultra-tecnologici ha mandato volutamente in confusione l'applicazione, trasformando Weckert in una linea rossa digitale che cammina.

In seguito l'esperimento è stato montato e pubblicato su YouTube col titolo di "Google Maps Hacks". Su Twitter l'artista ha poi descritto la sua idea:"99 smartphone sono stati trasportati in un carrello per generare un ingorgo virtuale su Google Maps. Tramite questa azione è possibile trasformare una strada verde in una rossa, e questo ha un impatto sul mondo reale invitando le macchine a percorrere altre strade!"

Con questa dimostrazione di interconnessione tra mondi virtuali e quotidianità, Weckert ha messo in atto soltanto l'ultimo dei suoi tanti esperimenti, generati probabilmente anche dal suo percorso di studi, che gli hanno consentito di ottenere una laurea in New Media Art al Berlin University of Art. Per scoprire di più sui suoi lavori vi consigliamo di dare un'occhiata al suo portfolio.

Tornando agli ingorghi vogliamo condividere con voi una piccola ma antipatica curiosità: Roma è la seconda città al mondo per ore perse nel traffico stradale. Volkswagen dal suo canto ha provato a risolvere il problema ottimizzando i flussi della mobilità tramite dei computer quantistici.

FONTE: autoblog
Quanto è interessante?
3