di

La Ford GT40 è stata una protagonista indiscussa delle gare endurance di fine anni ‘60, in particolare della 24 ore di Le Mans, che ha vinto per quattro anni consecutivi dal 1966 al 1969, ma successivamente divenne meno competitiva e venne quindi ritirata. A quel punto Ford UK ebbe la brillante e folle idea di creare un van basato sulla GT40.

Non un van qualsiasi, ma l’ormai iconico Transit, che vive ancora oggi in forma moderna. L’idea di base era quella di promuovere le vendite del furgone dell’ovale blu, e qualcuno ha avuto questa strana idea di spostare la carcassa di Ford Transit Mk1 per adagiarlo sul telaio e il motore di una delle Ford GT40 ritirata dalle corse.

Non è dato sapere se l’idea sia stata pensata con cognizione di causa o per qualche birra di troppo in un pub inglese, quel che è certo è che ringraziamo colui che ha avuto questa illuminazione, e ancor più coloro che hanno messo la firma per la creazione di questo progetto fuori di testa.

La costruzione del Ford Supervan venne ultimata nel 1971 e Ford fece debuttare il suo furgone “da corsa” durante un raduno pasquale sul circuito di Brands Hatch, dove il Supervan venne utilizzato per percorrere alcuni giri di pista, portandosi a casa il record della pista mai fatto segnare da un Transit. Questo fu soltanto uno dei tanti record che in quegli anni resero il Ford Supervan il furgone più veloce del mondo, uno slogan niente male per un messaggio promozionale.

L’obiettivo venne raggiunto grazie al suo motore da 5 litri V8 capace di 435 CV alloggiato a vista nel vano di carico del furgone, che gli garantiva uno scatto da 0-100 km/h in 7 secondi con una velocità massima ben oltre i 240 km/h, e la mossa di marketing riscosse molto successo, tanto che in quegli anni il Ford Transit standard divenne uno dei mezzi più utilizzati tra i commercianti, e fece talmente scalpore che Ford ripropose il Supervan 2 nel 1984, evolutosi poi nel Supervan 3 nel 1994.

E a proposito di Ford da corsa del passato, gustatevi questo confronto tra una rarissima Ford GT40 Mark III e la Ford GT moderna, e non perdetevi la reazione di Joe Bastianich alla guida della Ford GT40 del film Le Mans ‘66.

Quanto è interessante?
1
FordFordFordFord