Il comportamento stradale preoccupa: si guida meno, ma si muore di più

Il comportamento stradale preoccupa: si guida meno, ma si muore di più
di

Dallo scoppio della pandemia di COVID-19 le abitudini degli automobilisti sono cambiate sensibilmente, sia in Europa che negli Stati Uniti. Per l'Italia non abbiamo ancora dati precisi, ma sia nel Regno Unito che negli Stati Uniti la situazione è preoccupante.

Tra lockdown vari, chiusure di attività specifiche e trasferimento del lavoro dall'ufficio al proprio appartamento, gli automobilisti guidano sempre meno. In molti sarebbero portati a credere che meno veicoli per strada equivale sempre a meno incidenti, ma non è questo il caso: il numero di incidenti non è cambiato molto, ma è incrementata notevolmente la mortalità. Questo è dovuto al fatto che le strade più libere dal traffico hanno spinto alcuni conducenti ad aumentare notevolmente la propria velocità, e da parte nostra ci teniamo a ricordare che l'eccesso di velocità è tra le prime cause di incidente fatale, specie se combinato con la distrazione o con la guida in stato d'ebbrezza.

Adesso la National Highway Traffic Safety Administration (NHTSA) ha rilasciato i primi numeri in merito agli incidenti mortali nel primo quarto del 2021. Le stime sono ancora preliminari, ma nei primi tre mesi di quest'anno sulle strade USA sono state riportate 8.730 fatalità rispetto alle 7.900 dello stesso periodo dello scorso anno: uno spaventoso aumento del 10,5 percento e il tasso di mortalità stimato più alto degli ultimi 12 anni.

Per ora la NHTSA non ha ancora chiarito con precisione le cause che hanno portato a ciò, ma sospetta comunque che le persone al volante stiano attuando comportamenti più rischiosi. "Dobbiamo risolvere il problema delle morti stradali avvenute nel 2020 assumendo un approccio trasformazionale e collaborativo verso la sicurezza. Tutti, inclusi coloro che progettano, operano, costruiscono e usano il sistema di strade, si dividono le responsabilità della sicurezza su strada." Così Steven Cliff della NHTSA ha commentato in merito alla questione.

A proposito di velocità eccessive e di comportamenti rischiosi vogliamo mostrarvi un bruttissimo incidente verificatosi alcuni giorni fa proprio negli Stati Uniti: un motociclista ha rischiato seriamente la propria vita. Lo stesso vale per il conducente di un Lamborghini Urus, che ha messo la macchina in una posizione assurda.

FONTE: motor1
Quanto è interessante?
4