Come fa la Mercedes G550 ad arrampicarsi su una inclinazione del 100%?!

di

Una delle peculiarità più impressionanti della Mercedes G550 è la sua abilità di sconfiggere la gravità, riuscendo ad arrampicarsi su una superficie con inclinazione del 100% con nonchalance. Ma come diavolo è possibile?

Si tratta, ovviamente, di un prodigio della tecnica. Un prodigio piuttosto unico per il settore automotive, per capirci. Non esistono tanti altri veicoli che riescono a superare questa sfida impegnativa. E Mercedes lo sa bene, tant'è che la scalata del G550 è una esibizione molto ricorrente nei motorshow americani ed europei.

A proposito: ora anche la Classe G può subire il trattamento Manufaktur, i clienti possono personalizzare il super Suv in ogni suo dettaglio.

Piccola premessa iniziale: con superficie inclinata del 100% non stiamo parlando di un angolo retto. La Mercedes G550, ovviamente, non riesce ad arrampicarsi su una superficie completamente inclinata, come le pareti di un palazzo. Quella è la Batmobile. Parliamo di un angolo perfetto di 45 gradi dove, detta in altre parole, forza della gravità e spinta dell'accelerazione si equivalgono.

Affinché un veicolo riesca a procedere su una inclinazione così forte sono necessari una serie di fattori fondamentali, spiega il blog Jalopnik. Primo: servono un motore e una trasmissione sufficientemente potenti da gestire una guida così impegnativa. Secondo: è fondamentale che il sistema di trazione integrale distribuisca equamente il momento. Terzo: servono dei pneumatici idonei, in grado di sopportare la forza in gioco, e il modo in cui il peso è distribuito nel veicolo.

La G550 riesce a sopravvivere ad una inclinazione del 100% proprio perché tutti questi fattori sono rispettati. Un vero e proprio gioiello made by Mercedes Benz. Ovviamente in mezzo c'è anche un sacco di matematica da fare, per cui vi rimandiamo al video in apertura per un'esaustiva spiegazione.

Per la cronaca, se si sbagliano i calcoli, G550 o meno, si rischia di finire ribaltati all'indietro. Non bene.

Quanto è interessante?
2