INFORMAZIONI SCHEDA
di

La nostra Sezione Auto è letteralmente piena di articoli sul mondo delle elettriche, oggi però vogliamo affrontare un tema mai toccato: come ricaricare una BEV senza avere un box e un Wallbox per la ricarica casalinga? Proviamo a rispondere con l'aiuto di Matteo Valenza, YouTuber specializzato dell'universo Tesla e grande amico di Everyeye.it.

La domanda a cui vogliamo rispondere oggi non è delle più semplici, per diversi motivi. Da una parte le infrastrutture di ricarica in Italia non sono ancora al livello di altri Paesi europei, e questo rappresenta un problema, dall'altro per ricaricare un'auto elettrica non bastano pochi minuti come per un pieno di benzina, potrebbe essere necessario lasciare la vettura connessa alla rete anche 2-3 ore per una carica decente, anche se dipende tutto dalla potenza della colonnina e dalla velocità di ricarica della vostra auto.

Inoltre ricaricare sempre alla massima velocità in DC potrebbe non essere un bene per la vostra batteria, come vi abbiamo spiegato in questo articolo dedicato. Ma torniamo alla questione box: Matteo Valenza ne ha uno dotato di Wallbox Tesla, con cui ricarica a 3 kW durante la notte, ha però provato a immedesimarsi in un utente privo di garage, a cui non resta che agganciarsi alle varie colonnine pubbliche disponibili - che possono essere vicino il vostro ufficio oppure presso il Centro Commerciale che frequentate di solito. Non avere un box e allo stesso tempo possedere un'auto elettrica vi cambia in maniera sostanziale l'esperienza, spetta a voi capire quanto la cosa sia fattibile o meno...

Quanto è interessante?
1