Christian Horner interrogato per 8 ore dopo le accuse: 'Guerra di potere in Red Bull'

Christian Horner interrogato per 8 ore dopo le accuse: 'Guerra di potere in Red Bull'
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Continua a tenere banco negli ambienti motoristici e non solo la vicenda legata a Christian Horner, team principal Red Bull accusato di aver inviato una foto ad un dipendente. Una vicenda decisamente poco chiara, visto che nessuno sa con certezza cosa stia accadendo e soprattutto cosa potrebbe accadere.

Di sicuro si sa, come scrive il Corriere della Sera stamane, che il manager principale della scuderia campione del mondo sarebbe stato accusato di “comportamento inappropriato” da parte di un suo dipendente, dopo di che, quanto sia successo è top secret.

E doveva restare segreto anche l'interrogatorio che sarebbe avvenuto nella giornata di ieri in quel di Londra, proprio nei confronti di Christian Horner. Si parla di una “chiacchierata” di ben 8 ore durante la quale il team principal Red Bull avrebbe parlato con degli avvocati assunti dalla Red Bull per fare luce sulla vicenda, anche se i contenuti della stessa non sono affatto trapelati e ne tanto meno il luogo dell'incontro, visto che si parla di una location in quel della capitale inglese e niente più.

Di certo la vicenda con protagonista il marito da anni di Geri Haliweel, ex cantante delle Spice Girls, sta scuotendo e non poco il mondo della Formula 1 anche perchè un suo allontanamento, che sia volontario o meno, potrebbe stravolgere la Red Bull.

Horner, cercato tra l'altro da Ferrari per il post Binotto, è in Red Bull da sempre, dalla nascita della scuderia, e pensare allo stesso team senza il suo principal fa un certo effetto. La cosa certa è che la vicenda non sarà breve, precisa il Corriere della Sera, che parla di possibili risvolti forse solo dopo l'inizio del campionato di Formula 1 2024 datato 2 marzo.

Più passa il tempo però e più crescono le ombre e le voci su una guerra di potere per il controllo della squadra corse di Milton Keynes, esplosa dopo la morte del patron Mateschitz”, aggiunge il quotidiano che ricorda come giovedì prossimo, 15 febbraio, si terrà la presentazione della nuova monoposto, la RB20 in un clima decisamente surreale.