di

Da cosa dipende l’autonomia di un’auto elettrica? Beh da moltissimi fattori, fra questi anche dei cerchi particolarmente aerodinamici come abbiamo visto già in passato, motivo per cui Tesla ad esempio ha creato i suoi Aero, i suoi Turbine Wheels ecc. Esistono però anche modelli di terze parti molto efficienti.

Il nostro amico Matteo Valenza, youtuber bresciano esperto di auto elettriche, ha appena cambiato cerchi (eh si, di nuovo) alla sua Tesla Model 3 Performance, la stessa che nelle ultime settimane si è resa protagonista - suo malgrado - di una brutta esperienza vissuta a causa della benzina, cliccate pure qui per saperne di più.

Ma torniamo ai nuovi cerchi di Matteo: si chiamano TNA Razor, sono prodotti da un’azienda italiana e promettono una riduzione del 10% della resistenza con l’aria, del 94% la forza laterale e spostano il 30% di aria in meno. Il produttore ha anche fatto diversi test in galleria del vento per mettere a confronto le capacità dei suoi cerchi e quelli a turbina sviluppati dalla stessa Tesla, che sono da 21” e riservati alle varianti Performance delle sue auto.

Difficile riscontrare vantaggi nell’immediato, sarà però interessante vedere come si comporteranno i cerchi sul lungo periodo. Se cercate un’alternativa ai cerchi di default di Tesla ora conoscete anche questa soluzione.

Quanto è interessante?
1
Tesla Model 3Tesla Model 3Tesla Model 3