di

Alzi la mano chi nutre una particolare passione che successivamente porta al collezionismo. Figurine dei calciatori, monete, statuette, auto e tanto altro, ma un pensionato in Germania ci batte a mani basse: in garage aveva un carro armato della Seconda Guerra Mondiale, e alla legge tedesca questa cosa non piaceva affatto.

Lo sfortunato protagonista di questa storia è Kalus-Dieter Flick, un signore tedesco di 84 anni e ricco collezionista di oggetti e reperti appartenenti al periodo delle guerre mondiali. Nella sua collezione c’è davvero di tutto: un cannone anti-aereo, pezzi di armamento legati all’esercito nazista, un missile e appunto un carro armato Panther, la pietra dello scandalo della vicenda che vi riportiamo.

Klaus ha aggiunto il carro armato alla sua collezione nel 2015 – dopo averlo acquistato in Gran Bretagna nel 1977, e dopo aver pagato anche 25 mila sterline per aggiustare il motore in avaria - ma nel corso degli anni le autorità tedesche sono venute a conoscenza della cosa, e hanno deciso di fare un blitz all’interno del bunker in cui era tenuto il mezzo militare, situato proprio sotto all’abitazione dell’uomo.

Le leggi tedesche sono piuttosto ferree sulla detenzione di armamento bellico, e in un primo momento l’uomo è stato condannato a 14 mesi di reclusione a cui si somma una multa di 250 mila euro. Fortunatamente il processo si è poi risolto per il meglio, e la difesa di Klaus ha avuto la meglio.

Infatti il carro armato in oggetto è da considerarsi come un reperto da museo più che un’arma, e per di più non è mai stato utilizzato in maniera bellicosa dal nostro protagonista, sebbene abbia confessato di averlo utilizzato durante un inverno piuttosto rigido per spalare la neve di fronte alla sua abitazione.

Tutto è bene quel che finisce bene per il povero Klaus, che comunque dovrà disfarsi del suo reperto, vendendolo o donandolo entro i prossimi due anni. Nonostante l’età, Klaus potrebbe dedicarsi a qualche altro tipo di collezione, acquistando alcuni mezzi messi in vendita dal presentatore Richard Hammond assieme a qualche altra leggenda proveniente dalla collezione del batterista Neil Part.

Quanto è interessante?
2