La cancellazione del superbollo si può fare, il governo ci pensa

La cancellazione del superbollo si può fare, il governo ci pensa
di

L'attuale governo ha promesso già da un po' una sostanziale riforma fiscale, con la quale semplificare la gestione delle imposte e rivedere i cosiddetti micro tributi territoriali, tra i quali troviamo anche il superbollo.

Allo stato attuale dei fatti, i micro tributi trasferiscono nelle casse del nostro Paese appena lo 0,01 percento delle entrate tributarie complessive, e per i bilanci economici di Regioni e Comuni la faccenda assume connotati molto simili.

E quindi risaputo che, oltre ad avere una utilità economica alquanto dubbia, in linea di massima i micro tributi "presentano costi gestionali elevati e contribuiscono alla complessità del sistema." Fin dal principio il governo Draghi ha messo sotto i riflettori l'intenzione di semplificare il sistema di imposte e di sburocratizzare i vari apparati, e questo si potrebbe tradurre in una cancellazione del superbollo (il precedente tentativo del 2018 fallì).

Il superbollo è stato attuato dal governo Berlusconi nell'ormai lontano 2011 con l'intenzione di scoraggiare alcuni automobilisti dall'acquisto di autovetture con potenza superiore ai 306 cavalli o 225 kW attraverso una stangata non da poco: 10 euro in più per ogni kW al di sopra della soglia prestabilita. Per non bastare il successivo governo Monti rincarò la dose abbassando il limite a 185 kW o 252 cavalli e incrementando l'esborso da 10 a 20 euro per kW eccedente.

Evitando di scendere nel dettaglio su come questa tassa cambia pian piano nel tempo in base alla data d'immatricolazione, non sembra che i benefici della sua applicazione siano stati quelli sperati, e un'eventuale cancellazione definitiva del superbollo potrebbe quindi arrivare nel corso dei prossimi mesi.

FONTE: alvolante
Quanto è interessante?
1