BYD Seagull: bella, economica e con batterie al sodio. Potrebbe spaccare il mercato

BYD Seagull: bella, economica e con batterie al sodio. Potrebbe spaccare il mercato
INFORMAZIONI SCHEDA
di

BYD continua ad attirare l'interesse degli appassionati di auto grazie a delle vetture estremamente interessanti e soprattutto dal costo contenuto. L'ultimo esempio è la Seagull, utilitaria anticipata da mesi e che è stata presentata ufficialmente in questi giorni.

Dopo la Sehol E10X con batterie al sodio, anche la piccola di casa BYD monterà lo stesso sistema propulsivo elettrico a discapito delle batterie al litio che sono quelle più diffuse.

Come da allarme lanciato da Tavares: 'Dovremo sostituire 1,3 miliardi di auto termiche: come facciamo senza litio?', le aziende sono consce che bisognerà trovare il prima possibile un metodo alternativo per costruire le batterie in vista del grande appuntamento del 2035, di conseguenza si stanno attrezzando con novità tecnologiche interessanti come appunto quelle al sodio.

La Seagull è una vettura economica con un motore da 55 o 75 kW e un'autonomia da 405 km per una velocità massima di 130 km/h, quindi perfetta per essere utilizzata sia in città quanto sulle strade a scorrimento veloce.

A sorprendere è in particolare il prezzo, compreso fra gli 11mila e 15mila dollari, ovvero fra i 10 e i 14mila euro, anche se ovviamente non è possibile fare una comparazione fra il mercato cinese (dove i prezzi sono molto bassi) e quello ad esempio italiano.

In ogni caso, c'è grande interesse attorno a questa vettura anche perchè al momento le elettriche si concentrano soprattutto sui segmenti SUV e berline, mentre di piccole utilitarie economiche ve ne sono ben poche.

La Seagull di BYD ha dimensioni estremamente compatte, leggasi 3780/1715/1540 mm con un passo di 2500 mm, e può ospitare fino a 4 passeggeri ma comunque con 5 porte. Anche esternamente la vettura appare riuscita, in linea con il design attuale.

La domanda sorge spontanea: quando arriverà BYD in Italia? Per ora una data ufficiale ancora non c'è ma si parla da tempo di un lancio imminente, quasi sicuramente entro il 2023: incrociamo le dita.