INFORMAZIONI SCHEDA
di

Nel corso degli ultimi anni Bugatti ha espanso la sua gamme di hypercar sfondando in serie un certo numero di modelli basati sulla eccezionale Chiron. Come non ricordare la mitica Centodieci acquistata da Cristiano Ronaldo e le elegantissime Divo e La Voiture Noire. A livello prestazionale però i modelli citati impallidiscono di fronte al Bolide.

Presentato dal produttore francese lo scorso ottobre 2020, il Bugatti Bolide si specializza profondamente nelle prestazioni in pista impiegando al contempo lo stesso gigantesco W16 quad-turbo da 8,0 litri della Chiron, che per l'occasione promette doti in accelerazione mai viste prima e tempi sul giro nei tracciati più famosi al mondo da mani nei capelli.

Il video in altro, caricato su YouTube dai ragazzi di Drivetrive, si concentra su alcuni elementi chiave della progettazione del Bolide e sulle ragioni che stanno dietro la sua rapidità. Una delle cose più impressionanti riguarda innanzitutto il peso, poiché la massa di 1.240 chilogrammi della hypercar francese la rende più leggera di molte berline moderne e influisce positivamente proprio sull'accelerazione, ma anche sulla guidabilità.

Difficile non parlare poi del motore, che dai soliti 1.500 cavalli di potenza (1.600 in alcuni casi) si spinge fino ai 1.824 cavalli e ai 1.850 Nm di coppia. In base alle simulazioni ufficiali della casa di Molsheim sappiamo che il razzo passa da 0 a 100 km/h in soli 2,17 secondi, raggiunge i 200 km/h in 4,36 secondi, tocca i 300 km/h in 7,37 secondi, supera i 400 km/h in 12,08 secondi e oltrepassa l'assurda soglia dei 500 km/h in 20,16 secondi.

Spaventosa inoltre l'affermazione degli ingegneri del team, i quali sostengono che il Bugatti Bolide possa completare un giro al Nürburgring Nordschleife in appena 5:23,1, cioè soltanto quattro secondi più lentamente della detentrice del record assoluto: la Porsche 919 Hybrid Evo che corre a Le Mans nella categoria LMP1. Al Circuit de la Sarthe invece il Bolide è persino più veloce, attestandosi su un tempo di 3:07,1.

Dal nostro canto vi consigliamo di visionare per intero il video in alto, ma restando in tema di mezzi quasi ultrasonici vogliamo rimandarvi a due notizie che in comune soltanto l'elemento appena menzionato. La prima concerne lo sviluppo di un nuovo Maglev cinese il quale, secondo gli ingegneri, in futuro potrà toccare gli 800 km/h di velocità. La seconda invece espone la presentazione della Hennessey Venom F5: un mostriciattolo che promette il superamento dei 500 km/h.

FONTE: carscoops
Quanto è interessante?
2