di

Kade Vallace, colui che ha caricato su YouTube (tramite il canale KADER) il video in alto, si occupa di varie faccende. Una di queste è sistemare auto danneggiate o difettose e venderle facendo profitto. Questa volta ha svolto l'operazione per una Tesla Model 3, e la sua esperienza potrebbe insegnarci qualcosa riguardo le auto elettriche.

Purtroppo la descrizione sotto al video non ci aiuta ad arricchire la vicenda con più informazioni, infatti non sappiamo quando Vallace ha acquistato la vettura, dove, quanto l'ha pagata, eccetera. Per capire qualcosa in più vi consigliamo pertanto di prendere visione di un altro video che vi alleghiamo in fondo alla pagina, riguardante il momento nel quale gli è stata consegnata la Tesla.

Per fortuna grazie a quest'ultimo possiamo capire qualcosa in più. E' stato necessario far partire la batteria tramite una 12V per aprire il cofano, sbloccare la macchina e scaricarla dal tir che l'aveva consegnata. Dopo aver messo a terra la Model 3 Long Range, Vallace ha cercato su Google la stazione di ricarica più vicina, la quale si trovava a quasi 3 chilometri di distanza. Però, una volta, arrivato ha scoperto che in realtà non c'era nessuna colonnina sul posto. A peggiorare le cose ci si è messa pure la Model 3, che si è di nuovo scaricata.

Vallace ha quindi dovuto ricaricarla parzialmente con un 12V per rimetterla sul camion e portarla ad una colonnina concreta, che questa volta ha salvato la situazione. Dopo aver collegato la Tesla alla corrente questa si è di nuovo bloccata, ed è stato necessario un ulteriore collegamento a 12V per ripristinarla. Vallace a questo punto ha realizzato che il problema forse era proprio nella batteria da 12V, e l'ha infine rimpiazzata.

Appena completata l'operazione la Model 3 si è messa in moto nonostante la batteria principale fosse completamente scarica, ma la vicenda potrebbe esser dovuta ad una piccola percentuale di riserva non segnalata dal display, atta a facilitare operazioni di questo tipo.

Comunque da tutta questa storia abbiamo scoperto che se non c'è energia nella batteria integrata da 12V non c'è modo di far partire la EV, e neanche di caricare il pacco batteria principale. Una percentuale residua potrebbe esser lì, ma risultare comunque inaccessibile. Adesso resta solo da conoscere la quantità di energia di scorta messa a disposizione per le vetture della casa californiana.

Per concludere vi rimandiamo a un paio di notizie riguardanti l'imminente annuncio del Tesla Cybertruck. La data del reveal è stata fissata al 21 Novembre, mentre il prezzo di partenza dovrebbe mantenersi al di sotto di 50.000$.

FONTE: insideevs
Quanto è interessante?
1