Brabus entra nel mondo delle moto con la 1300 R, una naked su base KTM 1290 Super Duke R

Brabus entra nel mondo delle moto con la 1300 R, una naked su base KTM 1290 Super Duke R
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Quando si parla di Brabus, solitamente le protagoniste del discorso sono delle vetture marchiate Mercedes-AMG che hanno ricevuto dosi di anabolizzanti tali da offrire numeri da supercar e un look selvaggio, come il missile su base AMG GLE S 63 da 900 CV. Questa volta però, Brabus ci coglie impreparati, svelando la sua prima moto.

Ebbene sì, Brabus fa il suo ingresso nel mondo del motociclismo con un mezzo costruito in collaborazione con KTM “per unire le identità e lo stile di design profondamente radicati di KTM e Brabus”. Si chiama Brabus 1300 R e prende vita dalla KTM 1290 Super Duke R EVO, ma è agghindata con numerosi componenti disegnati dal preparatore tedesco.

Prima di tutto ci sono i nuovi cerchioni monoblocco Z forgiati a 9 razze, a cui si aggiunge una pletora di componenti in fibra di carbonio che danno stile e carattere alla motocicletta: tra questi ci sono nuovi convogliatori d’aria sui fianchi del serbatoio, prese d’aria che raffreddano le pinze dei freni Brembo, la copertura dell’inedito fanale anteriore griffato Brabus e il codino posteriore su cui si poggia una sella riscaldata e rivestita dagli esperti del preparatore tedesco.

Il motore resta il V-Twin bicilindrico austriaco, con 180 CV e 140 Nm di coppia, ma sul fianco destro compare un nuovo scarico slip-on con doppia uscita sovrapposta. Inoltre ci sono le leve al manubrio lavorate al CNC, manopole riscaldate con comando del gas rapido, serbatoi del liquido freno e frizione personalizzati, pedane specifiche, nuova animazione di accensione e placca che riporta il numero dell’esemplare, dato che questa moto verrà prodotta in soli 77 esemplari, per celebrare il 1977, l’anno di nascita di Brabus.

La Brabus 1300 R è poi equipaggiata le più sospensioni semi-attive WP Apex, che offrono sei modalità di guida: Comfort, Street, Sport, Track, Advanced e Auto, che permette alle sospensioni di regolarsi autonomamente in base alla situazione. Il preparatore non ha ancora annunciato il prezzo della sua prima moto in edizione limitata, ma verrà prodotta in sole due tinte – Magma Red e Signature Black – e gli ordini partiranno dal prossimo 14 febbraio.

E mentre Brabus presenta la sua prima moto, Triumph ha tolto i veli dal prototipo TE-1, la naked elettrica sviluppata con Williams.

Quanto è interessante?
1
BrabusBrabusBrabusBrabusBrabusBrabusBrabusBrabusBrabusBrabusBrabusBrabusBrabusBrabusBrabusBrabusBrabusBrabusBrabusBrabusBrabusBrabusBrabusBrabusBrabusBrabusBrabusBrabusBrabusBrabusBrabusBrabusBrabusBrabusBrabusBrabusBrabusBrabusBrabusBrabusBrabusBrabusBrabusBrabusBrabus