BMW sigla accordo stratosferico con startup per la fornitura di batterie

BMW sigla accordo stratosferico con startup per la fornitura di batterie
INFORMAZIONI SCHEDA
di

BMW ha davvero iniziato a fare sul serio nel mercato dei veicoli elettrici: dopo aver annunciato il lancio sul mercato di 25 modelli (la metà dei quali completamente elettrici) entro il 2023, ora la casa automobilistica tedesca ha siglato un accordo stratosferico con la startup Northvolt per la fornitura di batterie.

La startup svedese Northvolt è stata fondata tre anni fa da due ex dirigenti di Tesla che hanno lavorato alla Gigafactory 1 in Nevada assieme a Panasonic. Il loro obiettivo è replicare il successo della Gigafactory Tesla in Europa, diventando il fornitore ufficiale di batterie per le maggiori case automobilistiche europee, come Volkswagen e BMW.

L’accordo con BMW Group è stato siglato oggi, 29 luglio 2020, per 1.6 miliardi di dollari e andrà a finanziare la costruzione delle fabbriche Northvolt, oltre che al settore R&D (ricerca e sviluppo). A inizio luglio però le due parti erano già giunte a un altro accordo a lungo termine per la fornitura di batterie, per circa 2 miliardi di dollari.

Le celle in questione verranno prodotte alla gigafactory Northvolt Ett, attualmente in costruzione nel nord della Svezia. I lavori dovrebbero concludersi per il 2024, dunque BMW dovrà attendere ancora 4 anni prima di ricevere le prime batterie firmate Northvolt.

Volkswagen invece ha già siglato un altro accordo nel 2019 sempre per la fornitura di batterie per veicoli elettrici, tra cui la nuova Volkswagen ID.3 che arriverà in Italia a settembre, per meno di $100 per kWh. Non sarà Northvolt Ett a rifornire la casa di Wolfsburg, ma sarà la gigafactory Northvolt Zwei.

FONTE: Electrek
Quanto è interessante?
1