di

Le BMW M3 hanno fatto il loro debutto con un motore 4 cilindri, per poi passare al 6 cilindri in linea, diventato iconico, fino agli ultimi modelli che sfoggiano un V8. Una delle generazioni più amate della M3 è la E46, ma in questo caso il 6 cilindri è stato abbandonato in favore del V10 che si trovava a bordo della sorellona BMW M5.

Questo esemplare è stato acquistato nel 2000 e ha subito la trasformazione grazie all’olandese Autoservice Procar, che ha subito installato il motore 5.0 litri V10 della M5 E60, un motore altrettanto leggendario che in quegli anni ha fatto parlare molto di sé, specialmente per l’incredibile sound che generava, simile a quello delle monoposto da Formula 1. Quest’unità erogava una potenza di 507 CV e 520 Nm di coppia, un incremento di ben 164 CV rispetto ai 343 puledri a disposizione della M3 E46 standard.

Lo specialista BMW olandese non si è limitato a sostituire soltanto il motore, ma anche il cambio della vettura, che abbandona il manuale a 6 marce di serie per lasciare il posto ad un cambio automatico a 7 rapporti con doppia frizione arrivato direttamente da una BMW M3 E92, il primo modello della serie a montare il motore V8.

Nel video postato da AutoTopNL potete godervi il suono proveniente dagli scarichi della vettura, un rombo inconfondibile che farete fatica a scordare, e vi renderete anche conto di quanto “spinga” il motore V10 che la equipaggia, capace di portarla sul fondo scala del contachilometri, settato a 300 km/h, con grande facilità.

Il test è stato fatto sulle canoniche autobahn che di recente sono state criticate dal pilota del team Aston Martin F1: Sebastian Vettel vorrebbe dei limiti di velocità sulle autobahn, invitando a correre in pista piuttosto che sulla strada, e a tal proposito non è un segreto che la Germania stia pensando da tempo a imporre i 130 km/h in autostrada.

Quanto è interessante?
1