BMW dice che il coronavirus perseguiterà l'automotive per tutto il 2020

BMW dice che il coronavirus perseguiterà l'automotive per tutto il 2020
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Non sappiamo quanto durerà la crisi attuale, né quale sarà la vera portata della pandemia sulla salute dell'economia. Sicuramente grave, ma fino a che punto? BMW si aspetta che la domanda per le auto nuove verrà fortemente impattata dal coronavirus, e che questo andrà avanti per tutto il 2020. Forse anche oltre.

Insomma, non è temporaneo. Forse la sberla più forte l'automotive l'ha ricevuta in questi mesi e il peggio è passato. Ma ne abbiamo davvero certezze? Purtroppo la risposta è no.

Non tutti i Paesi hanno subito il coronavirus allo stesso modo, e non tutte le case automobilistiche stanno venendo danneggiate in modo eguale: pensate a Ferrari e Tesla che, nonostante tutto, stanno portando a casa grossi risultati. È notizia proprio di oggi che Ferrari ha superato GM e Ford in borsa.

In India invece le vendite ad aprile sono rimaste completamente congelate, e nessun brand ha venduto anche solo un'auto. Avete letto bene: le auto consegnate sono crollate a zero. In Italia le cose non sono andate poi così meglio, comunque.

Ora Oliver Zipse, il N.1 di BMW, ha spiegato che non crede che le cose andranno per il meglio rapidamente: "voglio essere molto chiaro: è chiaro che la domanda per le auto, nei Paesi che sono stati colpiti più duramente come Spagna, Italia e Regno Unito, rimarrà relativamente bassa per il resto dell'anno".

"È diventato evidente che le misure per contenere la pandemia siano durate molto a lungo in molti mercati. Ne consegue che è ormai chiaro che i volumi di vendita di questi mercati non torneranno alla normalità nell'arco di solamente qualche settimana come ci eravamo auspicati".

FONTE: Autocar
Quanto è interessante?
1