Benzinai autostradali ancora in sciopero: ecco le date delle chiusure

Benzinai autostradali ancora in sciopero: ecco le date delle chiusure
di

Questo grave periodo di crisi ha colpito molti settori. Dal turismo all'automotive, dai trasporti ai negozianti al dettaglio eccetera. Non la scampano neanche i distributori di benzina autostradali, che si sono ritrovati a dover stare aperti nonostante le scarsissime richieste di carburante.

Per questo e per altri motivi Fegica Cisl e Figisc-Anisa Confcommercio hanno confermato uno sciopero di 48 ore, che inizierà dalle ore 22:00 del prossimo 12 maggio e si concluderà alla stessa ora del 14 maggio. Le chiusure riguarderanno le Aree di Servizio autostradali e stazioni assimilabili.

Ecco una nota delle organizzazioni riguardo la decisione:"I gestori non chiedevano altro che condividere responsabilità e oneri con il Governo e l'intera filiera composta da tanti soggetti economici, concessionari autostradali primi fra gli altri, con ben altra solidità ed una incommensurabilmente maggiore remunerazione. A nulla è valso resistere pazientemente e stringere i denti in tutto questo periodo, moltiplicando appelli e sollecitazioni. Ora, con il termine della fase acuta dell'emergenza, avendo in tutta coscienza adempiuto interamente alla responsabilità di cui è fieramente portatrice, la categoria non ha altra risorsa che tornare ad agitare gli strumenti della protesta, a sostegno delle proprie legittime rivendicazioni."

Fegica Cisl e Figisc/Anisa Confcommercio hanno poi aggiunto altre parole a supporto dei cittadini coinvolti, dicendosi sicure che questi "comprendano le loro giuste motivazioni, che sono poi quelle che similmente agitano anche moltissimi di loro." Da un altro coro si è però sollevata la contestazione opposta a queste proteste, infatti l'Unione Nazionale Consumatori dichiara "illegittimo" lo sciopero prolungato, in quanto violerebbe la regolamentazione del settore:"In questo grave momento per il Paese, uno sciopero dei benzinai non solo è un atto inaccettabile, ma contrario alla regolamentazione del settore carburanti."

Insomma, la situazione è tutt'altro che facile da gestire, e speriamo che tutte le parti coinvolte possano risolverla nel modo migliore possibile. Nel frattempo, anche un po' per passare a notizie più distensive, vi rimandiamo a due importanti aggiornamenti dalle case automobilistiche italiane. Lamborghini ha infatti presentato la nuova Huracán EVO RWD Spyder da 610 cavalli, mentre da Alfa Romeo arrivano novità sugli aggiornamenti 2020 di Giulia e Stelvio Quadrifoglio, ecco tutti i dettagli.

FONTE: ansa
Quanto è interessante?
3