La batteria della Renault Megane elettrica è speciale: ecco perché

La batteria della Renault Megane elettrica è speciale: ecco perché
di

Alcune settimane fa Renault ha presentato al mondo un modello che avvierà il brand con decisione verso una vasta gamma di veicoli completamente elettrici: la Megane E-Tech Electric. Basta darle un'occhiata per intuire le divergenze tecniche stilistiche con la versione dotata di motore a combustione interna, e gli investimenti nel suo sviluppo si notano.

La casa automobilistica francese guarda da molti anni alla mobilità completamente elettrica, ma da un po' ha cominciato a fare davvero sul serio in tal senso. La piattaforma CMF-EV, ideata in collaborazione con Nissan, permetterà infatti una transizione veloce e un cambio di passo tecnologico degno di nota.

Assolutamente da sottolineare è che la vettura, sia nella configurazione da 40 che in quella da 60 kWh, fa uso di un sistema differente dalle solite unità agli ioni di litio. Renault ed LG hanno deciso di intraprendere una strada pecualiare, per cui il pacco batteria si affiderà agli ossidi di nichel manganese cobalto per il suo funzionamento, e i vantaggi sono presto spiegati.

Secondo i tecnici Renault, rispetto agli ioni di litio si va a guadagnare un 20 percento di densità energetica per litro, che si traduce in guadagni in termini di peso e di autonomia effettiva. Anche rispetto alla piccola Zoe il divario è sensibile: la batteria della sorellona è del 40 percento più compatta.

Ovviamente non si è lasciata da parte la questione relativa all'impatto ambientale. I tecnici hanno trovato un sistema per impiegare meno cobalto possibile in favore del nickel, mentre la gestione termica diventa più piccola. La Megane sfrutta un nuovo radiatore in grado di incrementare il coefficiente prestazionale della batteria del 30 percento circa inviando l'aria calda verso l'abitacolo quando il conducente lo richiede. In inverno i passeggeri staranno al caldo senza richiedere troppo alle celle.

A ogni modo, questo passaggio dal motore termico a quello elettrico sta comportando anche un cambio di paradigma notevole in termini di design: Renault rivoluzionerà l'estetica delle auto elettriche differenziandole da quelle tradizionali.

FONTE: insideevs
Quanto è interessante?
3