Bagnaia trolla Marquez? 'Già nei test di Valencia sarà il più veloce con la Ducati'

Bagnaia trolla Marquez? 'Già nei test di Valencia sarà il più veloce con la Ducati'
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Da qualche ora a questa parte Marc Marquez è ufficialmente un pilota del team Ducati Gresini. Lo spagnolo classe 1993 ha detto addio alla Honda e dalla prossima stagione sbarcherà a Faenza, dove vi resterà fino al 2024.

Una notizia che ovviamente ha fatto il giro del circus e che è arrivata anche a Pecco Bagnaia, campione del mondo MotoGp 2022 e pronto a sfidare Jorge Martin per portarsi a casa anche la stagione 2023.

Alla vigilia del Gp di Indonesia, il centauro italiano ha commentato così lo sbarco di Marquez in Ducati:Tre o 4 mesi fa sarebbe stato incredibile pensare a quello che è successo, ma negli ultimi tempi era diventato chiaro che le cose stessero prendendo questa direzione. Avevo detto a Motegi che lo pensavo. Credo che sia un bene sia per noi sia per lo sport. Marc troverà la migliore base sulla nostra moto, saràsuo agio e non ci metteràtroppo tempo per essere più veloce di quando sia adesso”.

Bagnaia ha proseguito: “Sarà bello condividere i dati con lui, vedere quello che fa. Sarà una bella sfida anche per lui perchè saremo 8 piloti molto competitivi e sarà interessante”.

Il campione in carica ha quindi volto lo sguardo alla fine del mese di novembre, quando Marquez potrà provare per la prima volta la Ducati durante i test di Valencia: “Penso che già nel suo primo test sulla Ducati a Valencia potrà essere davanti a tutti – racconta il pilota Ducati - potrà provare tante cose, anche il time attack, e la nostra è una moto che si adatta a tutti gli stili di guida ed è molto prevedibile nelle reazioni. Il prossimo anno guiderà una gran moto – ha aggiunto - potrà frenare molto forte ed essere motore veloce. Non so se lotterà per il campionato, ma starà sicuramente nei primi 5”.

Bagnaia avrà trollato Marquez con tali parole? Forse il pilota Ducati teme veramente che il ritorno dello spagnolo su una moto performante (pensiero anche di molti suoi colleghi) possa permettere allo stesso di tornare a lottare seriamente per il titolo.