di

Il 2021 ha sancito il ritorno di una delle manifestazioni a sfondo motoristico più interessanti e ricche del pianeta, ossia il Festival Of Speed di Goodwood, un evento a cui hanno preso parte vetture di ogni tipo, ognuna importante a modo suo nella storia dell’automobilismo. E tra le tante, quali sono state le più veloci sulla salita del festival?

Prima di tutto bisogna dire che, dopo un anno di stop a causa della pandemia, questo ritorno è stato molto gradito, ma purtroppo il meteo non è stato molto collaborativo. Nell’arco dei quattro giorni di manifestazione si sono alternate giornate di sole a giornate uggiose, ma ciò non ha impedito di dare fuoco alle polveri del “Timed Shootout” dell’ultimo giorno.

Guardando la classifica, partendo dal decimo posto, troviamo la Toyota Corolla del campionato BTCC (British Touring Car Championship) con un tempo di 53,89 secondi, preceduta da una Holden Commodore arrivata direttamente dal campionato V8 Supercars australiano, che ha registrato un tempo di 53,13 secondi.

All’ottava e alla settima posizione ci sono invece due leggende del passato, rispettivamente la Mercedes-Benz Sauber C9 che ha corso a Le Mans e la Ford Escort Cosworth “Repsol” da rally, precedute dalla Praga R1 e dalla Nissan Skyline R32 “Godzilla” preparata da HKS.

Medaglia di legno alla più recente Porsche 911 GT3 Cup, che è stata la prima vettura ad abbattere il muro dei 48 secondi, con un tempo di 47,65 secondi, mentre il gradino più basso del podio è andato ad una Spice-Cosworth SE88.

Il secondo posto è stato occupato invece dalla Subaru Impreza WRX STI da Gymkhana di Travis Pastrana, che l’ha lanciata su per la salita in maniera selvaggia, fermando il crono a 46,20 secondi. Il primo posto invece se l’è aggiudicato la McLaren 720S GT3X che, nonostante una partenza apparentemente poco efficace rispetto alla Subaru, è riuscita a recuperare i decimi persi grazie all’incredibile downforce che è in grado di generare, e che la appiccicano letteralmente al suolo.

La supercar dedicata all’uso pista di McLaren ha letteralmente volato per gli 1,86 km del tracciato, passando il traguardo con un tempo di 45,01 secondi. Una prestazione eccellente che in condizioni meteo migliori sarebbe stata ancor più efficace, ma per quest’anno il record rimane ancora saldo nelle mani di Romain Dumas e della Volkswagen I.D. R elettrica da Pikes Peak, che ottenne un crono di 39,90 secondi.

Ora basta chiacchiere, alzate il volume, e godetevi i 10 minuti di spettacolo del video sopra, mentre qui sotto vi lasciamo il record assoluto della Volkswagen, così da avere un ulteriore riferimento.

Quanto è interessante?
1