Dalle auto elettriche alle mascherine anti Coronavirus: BYD al servizio del mondo

Dalle auto elettriche alle mascherine anti Coronavirus: BYD al servizio del mondo
di

Ne abbiamo già parlato ieri: il Regno Unito ha chiesto alle maggiori industrie automotive del Paese di aiutare con la costruzione di ventilatori per affrontare l'emergenza Coronavirus. Toyota, Honda e Vauxhall sono state le prime a mettersi a disposizione, in Cina invece BYD sta costruendo mascherine.

Come purtroppo sappiamo, oltre ai posti letto in terapia intensiva - che in qualche modo possono esser creati anche in strutture straordinarie, come sta avvenendo alla vecchia Fiera di Milano - l'emergenza Coronavirus richiede l'arrivo di nuovi ventilatori e mascherine come se piovesse, per la popolazione ma soprattutto per gli operatori sanitari.

È già qualche settimana che è difficile reperire nuove mascherine presso le farmacie, ora però BYD (il maggiore produttore di auto elettriche in Cina) ha messo a disposizione il suo enorme polo industriale di Shenzhen proprio per produrre mascherine contro il COVID-19. In realtà la produzione va avanti da settimane grazie ai 3.000 operai del marchio, che oggi rappresentano la maggiore fonte di mascherine al mondo: 5 milioni di unità e 300.000 confezioni di disinfettante al giorno, dati aggiornati al 13 marzo scorso.

Ormai 5 su 10 mascherine prodotte nel mondo provengono dalla BYD, che mira a produrne 500.000 al giorno, con ogni singolo macchinario che sforna 60.000 unità al giorno. Una vera macchina da guerra che per qualche tempo smesso il suo focus principale, le auto elettriche, per aiutare tutti i continenti ad affrontare l'emergenza.

FONTE: InsideEVs
Quanto è interessante?
1
Dalle auto elettriche alle mascherine anti Coronavirus: BYD al servizio del mondo