Auto elettriche, nel 2030 la domanda di petrolio sarà pari alla metà di oggi

Auto elettriche, nel 2030 la domanda di petrolio sarà pari alla metà di oggi
di

In occasione della Climate Week NYC, tre rilevanti studi condotti da RMI, Systems Change Lab e dal progetto EEIST evidenziano come le vendite globali di veicoli elettrici potrebbero costituire oltre due terzi della quota di mercato entro il 2030, superando gli obiettivi di emissioni zero (Net Zero).

L'analisi suggerisce che la flotta di veicoli a combustione raggiungerà il picco entro la metà del decennio, con più auto rottamate che vendute. Le vendite globali di veicoli elettrici potrebbero aumentare di almeno sei volte entro il 2030, costituendo tra il 62% e l'86%. Questo andamento supera le attuali proiezioni, che indicano il 40% di quota di mercato. Inoltre, la domanda di petrolio subirà una flessione netta, con una richiesta di circa 1 milione di barili in meno al giorno dopo il 2030.

Se già in Europa chi compra un'elettrica non torna indietro, il calo dei costi delle batterie sarà il principale acceleratore delle vendite di veicoli elettrici. L'analisi suggerisce che i costi delle batterie si dimezzeranno entro il decennio, rendendo i veicoli elettrici economici sia all'acquisto che in termini di gestione rispetto alle auto a benzina entro il 2030, in ogni mercato globale.

La Cina è in prima linea per raggiungere il 90% delle vendite di veicoli elettrici entro il 2030, mentre paesi come India e Israele stanno osservando una crescita esponenziale; in Europa invece potrebbe essere un punto di svolta la diffusione delle Key Car. La ricerca del progetto EEIST sottolinea che il "punto di svolta" della parità di prezzo tra veicoli elettrici e quelli a combustione potrebbe verificarsi già nel 2024 in Europa, aprendo prospettive di trasformazione drastiche nel settore automobilistico.