L'ASAPS: "Seggiolini anti-abbandono sono stati dimenticati dalle istituzioni"

L'ASAPS: 'Seggiolini anti-abbandono sono stati dimenticati dalle istituzioni'
di

L'Associazione Sostenitori Polstrada (ASAPS) in una nota diffusa oggi parla dei seggiolini anti-abbandono che secondo i rappresentati sarebbero stati dimenticati nonostante l'ondata di caldo che sta attanagliando l'Italia da qualche settimana.

Gli stessi fanno notare che dal 1 Luglio prossimo sarebbe dovuto entrare in vigore l'obbligo di dotarsi di un "sistema di ritenuta salva-bebè per chiunque risieda in Italia e trasporti minori fino a 4 anni", ma il termine stabilito inizialmente al 22 Aprile per la consultazione pubblica dell'Unione Europea è stato prorogato al 22 luglio, ovvero in piena estate.

Secondo il presidente Giordano Biserni, anche nella migliore delle ipotesi "si arriverà all'autunno inoltrato, almeno a novembre, per la pubblicazione definitiva sulla Gazzetta Ufficiale" che sancirà l'entrata in vigore del provvedimenti.

L'ASAPS quindi sottolinea che dal primo luglio "non ci sarà l'obbligo per i genitori di dotarsi dei nuovi seggiolini e per gli organi di polizia stradale di sanzionare l'assenza a bordo dei veicoli di tali dispositivi. Se un genitore volesse comunque tutelare il proprio bambino, potrà dotarsi di seggiolini già in commercio, dotati di sistemi di allarme, ma che potrebbero non essere più rispondenti alle caratteristiche del decreto del Ministero, il cui testo in fase di consultazione ha già avuto oltre una ventina di osservazioni tra ditte, aziende, associazioni di consumatori ed esperti".

Lo stesso Biserni fa notare che "erano stati stanziati anche fondi pubblici: la Legge di Bilancio 2019 approvata in via definitiva il 30 dicembre e pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale il 31 dicembre 2018, aveva autorizzato lo stanziamento di un milione di euro per il 2019 e un altro milione per il 2020 per incentivare l'acquisto di sistemi di allarme per prevenire l'abbandono dei bambini nei veicoli. Al momento non sono state ancora definite le modalità per usufruire di questi incentivi".

Quanto è interessante?
3