Apple spinge sulla guida autonoma: in sviluppo LIDAR meno costosi

Apple spinge sulla guida autonoma: in sviluppo LIDAR meno costosi
di

Nella notte Tesla ha presentato il suo nuovo e potente chip per la guida autonoma, che arriverà sul mercato già dal prossimo anno. Una tecnologia che cambierà volto al mercato, con la concorrenza che dovrà sensibilmente accelerare per non perdere terreno. Fra questa c'è anche Apple, che vuole lasciare il segno nel settore.

Il gigante di Cupertino è tornato spesso sulle pagine della stampa specializzata per via della guida autonoma: non è ancora ben chiaro se la società stia lavorando a una vettura autonoma tutta sua o stia semplicemente sviluppando software e hardware da concedere a terzi. Nonostante la segretezza, sembra che la compagnia abbia di recente incontrato quattro aziende chiave del settore dei sensori per la guida autonoma, motivo che ci spinge a credere davvero in un progetto Apple su quattro ruote.

Gli incontri si sarebbero focalizzati sulla tecnologia chiamata LIDAR, che grazie agli impulsi laser permette il rilevamento a distanza di oggetti e ostacoli. Sensori che già oggi vengono utilizzati dalle principali aziende che hanno investito in guida autonoma, c'è però un problema: i costi. Apple utilizza oggi dei LIDAR che possono costare anche 100.000 dollari, non potrebbero dunque mai competere con i 35.000 dollari della Tesla Model 3 (che completa di guida autonoma potrebbe comunque arrivare attorno ai 50.000). Apple starebbe dunque cercando di creare sensori funzionali ma meno costosi, così da lasciare il segno sul mercato futuro. Non vediamo l'ora di conoscere dettagli più approfonditi.

Quanto è interessante?
6