Donald Trump ferma le penali sulle auto inquinanti volute da Obama

Donald Trump ferma le penali sulle auto inquinanti volute da Obama
di

Qualche giorno fa l'amministrazione Trump ha annunciato di sospendere l'incremento delle penalità per i produttori di auto siglato dal governo Obama, mirato a punire le case automobilistiche che non sono in grado rientrare nel tetto massimo del consumo di carburante pattuito - qualcosa di simile a ciò che avverrà presto anche in Europa.

La legge, stabilita dalla National Highway Traffic Safety Administration, aveva stabilito una penalità di 14$ ogni 0,1 miglia per gallone di carburante consumato oltre gli standard prefissi e sarebbe andata in vigore proprio nel 2019. L'idea era quella di allineare l'ammenda all'inflazione attuale, dato che dagli anni settanta era rimasta pressoché invariata. Il governo attuale ha invece intenzione di congelare la modifica e riprendere la legge precedente, varata nel 1997, che decideva una penale di 5,50$ per miglia al gallone (5$ nel 1970).

La decisione ha causato forti divisioni: da una parte l'Alliance of Automobile Manufactures, un gruppo commerciale che comprende diverse case automobilitiche, ha lodato la decisione. In particolare lo ha fatto FCA, la quale ha dichiarato a Reuters: "La nuova regolamentazione ci permette di dar seguito ai nostri significativi piani d'investimento sia per la nostra produzione sul suolo statunitense, sia per le nuove tecnologie, richieste per migliorare i consumi in futuro."

Ricordiamo che FCA ha già ricevuto pesanti multe per questa ragione e infatti nel 2017 è risultata la peggior casa automobilistica nell'efficienza dei consumi e nelle emissioni di CO2, secondo l'EPA. Per scampare ai salassi la casa automobilistica si è vista costretta a investire 2 miliardi di dollari in Tesla, andando a bilanciare la situazione.

Contro il governo invece si sono schierati molti Stati americani, preoccupati per una potenziale divisione del mercato. Pochi giorni fa i governatori di 24 Stati hanno firmato una lettera contro le intenzioni di Trump. Se tutti gli altri Stati decidessero di avallare la scelta del presidente, si andrebbero a creare sicuramente forti divisioni. Il presidente americano non è nuovo a iniziative di questo tipo, infatti lo scorso anno aveva annunciato dei tagli agli incentivi per le vetture elettriche.

FONTE: electrek
Quanto è interessante?
6