Un'altra vittima del Tesla Cybertruck: la Lamborghini Urus 'bruciata' sul quarto di miglio

di

Dopo lo spot promozionale molto chiacchierato di un Tesla Cybertruck che ha battuto nettamente una Porsche 911 mentre trainava un'altra Porsche 911, la prossima vittima del pick up elettrico è una Lamborghini Urus.

Il Cybertruck usato per questa prova è la versione più performante di nome "Cyberbeast". La sfida si è articolata in una serie di gare di accelerazione. Il confronto tra il veicolo elettrico e il veicolo a motore a combustione interna si è svolto presso la Gigafactory in Texas su una strada appena asfaltata.

Nonostante il peso più elevato del Cybertruck rispetto alla Urus, il veicolo elettrico di Tesla ha vinto tutte le sfide di accelerazione senza sforzo apparente. La Cyberbeast ha dimostrato tutta la sua potenza di 845 CV e 930 nm di coppia provenienti dai suoi tre motori elettrici, superando l'Urus con il suo motore V8 biturbo da 4.0 litri, da 650 CV e 847 nm di coppia.

Nonostante la Lamborghini Urus sia in grado di raggiungere i 100 km/h in soli 3,1 secondi, il Cybertruck ha completato la stessa accelerazione in un eccezionale tempo di 2,6 secondi. La gara del quarto di miglio (400 metri) ha visto il Cybertruck registrare un tempo di 11,2 secondi, superando l'Urus di 1,1 secondi.

Nelle gare successive, il Cybertruck ha continuato a dimostrare la sua superiorità in accelerazione, mantenendo l'Urus a distanza. Tuttavia, l'Urus ha avuto successo nella prova di frenata a 100 km/h grazie agli pneomatici e al peso a vuoto inferiore.