di

In base a quanto abbiamo appreso pochi minuti fa, sappiamo che nell'area del Parco nazionale di Zion non lontano da Springdale, Utah, le precipitazioni in questo periodo dell'anno sono scarsissime. Il 2021 però ha sorpreso ampiamente turisti e residenti attraverso forti tempeste e rovesci torrenziali, che hanno portato ad una alluvione fulminea.

In alcuni densi minuti della giornata di martedì scorso sono cadute dal cielo circa tre centimetri di precipitazioni, che si sono concentrate in punti specifici causando allagamenti di strade, parcheggi, edifici e dell'ingresso del Parco nazionale. In tal senso il video in alto è particolarmente esplicativo, ma i lavori per liberare i punti più importanti e ripulire la zona da fango, massi e detriti vari hanno già avuto inizio.

Il Parco di Zion è famoso proprio per le sue strade impervie e per le rocce da scalare, che da tanti anni attirano ciclisti, amanti del fuoristrada e praticanti del downhill, ma negli ultimi giorni i presenti hanno incontrato brutte sorprese. Sul web sono stati condivisi numerosi video in merito ai danni provocati dal maltempo, e al momento sono state segnalate numerose strade divelte, decine di edifici danneggiati e circa 150 veicoli bloccati nei parcheggi, nei viali o semplicemente sotto il fango.

Molti volontari si sono già recati sul posto per accelerare le operazioni di ripristino delle infrastrutture e liberazione delle strade, ma a quanto pare col passare del tempo vengono scoperti danni sempre maggiori. L'unica nota positiva viene proprio dal meteo poiché nonostante un'altra giornata di pioggia battente fosse stata ritenuta molto probabile in giornata odierna, il tempo ha retto in modo insperato.

I giornalisti di ABC News si sono subito attivati per testimoniare quanto accaduto due giorni fa nello stato dello Utah, e quindi condividere il tutto su Twitter (post in calce), per cui non mancheranno di aggiornarci sulla vicenda nei giorni a seguire.

A proposito di alluvioni catastrofiche, ricorderete sicuramente quella verificatasi a Houston lo scorso autunno: in quel caso i danni generali furono forse più contenuti, ma parecchi automobilisti dovettero abbandonare per sempre i propri veicoli.

FONTE: thedrive
Quanto è interessante?
1