Allarme smog, ancora stop in molte città del centro e nord. La situazione

Allarme smog, ancora stop in molte città del centro e nord. La situazione
di

Resta alta l'allerta smog in Italia, soprattutto nel centro e nord, il tutto per colpa dell'alta pressione che sta attanagliando il nostro paese e che sta peggiorando la qualità dell'aria. A Roma ad esempio 8 centrali su 13 hanno sforato il limite giornaliero di Pm10, ed infatti sono state escluse le Euro6 dal centro.

Il blocco a Roma è stato esteso anche alla giornata di oggi, mercoledì 15 Gennaio, e domani 16 Gennaio.

L'assessore ai trasporti di Roma, Pietro Calabrese, in un post pubblicato su Facebook ha osservato che la Capitale è di fronte ad un'emergenza. Dello stesso avviso anche Marco Granelli, collega di Calabrese al comune di Milano, altra città in cui i nuovi divieti sono scattati in anticipo. Granelli ha spiegato che sono diciannove giorni da quando nel capoluogo lombardo e nelle città della bassa Lombardia "si è cominciato a respirare ininterrottamente aria con livelli di polveri sottili mediamente doppi rispetto a quelli che la normativa europea considera tollerabili per la salute umana".

Previsti blocchi anche a Torino, fino a giovedì 16 Gennaio compreso. In allarme anche il Veneto, dove a Treviso è scattato il codice rosso dopo dieci giorni consecutivi di superamento della concentrazione di 50 microgrammi per metro cubo di Pm10.

A Vicenza è scattata l'ordinanza del sindaco Francesco Ruocco che ha obbligato gli esercizi commerciali ed edifici aperti al pubblico a chiudere le porte.

A Firenze e provincia invece una nuova ordinanza ha stabilito il blocco dei mezzi più inquinanti fino a sabato prossimo.

Quanto è interessante?
2