di

Alfa Romeo, nel corso della sua lunghissima storia da 110 anni, ha presentato spesso vetture dall'aspetto e dalle caratteristiche molto coraggiose. Un grosso esempio è la assurda SZ (Sprint Zagato) mostrata per la prima volta al Salone di Ginevra del 1987, la quale può essere ammirata dalla galleria di immagini in fondo alla pagina.

Soprannominata "Il Monstro" sfoggia un'estetica molto spigolosa, sia nelle forme principali che nei dettagli, e al tempo il bolide in questo senso fu molto divisivo. In pratica si basava sull'architettura della Alfa 75/Milano, e cioè sull'ultima automobile a trazione posteriore offerta da Alfa per parecchi anni, fino al ritorno attraverso l'attuale Giulia.

La Sprint Zagato si muoveva grazie a un esuberante V6 aspirato da 3,0 litri, che erogava 210 cavalli di potenza, le consentiva di scattare da 0 a 100 km/h in 7 secondi e di arrivare fino ai 245 km/h. A trasferire la potenza verso le ruote ci pensava un cambio a cinque rapporti rigorosamente manuale abbinato a un differenziale a slittamento limitato. Insomma, tutto quello che piaceva agli alfisti dell'epoca.

La carrozzeria al contempo era ricavata da pannelli di materiale plastico composito, mentre le sospensioni avevano performance sportive e ammortizzatori idraulici Koni. Il fatto curioso è che questi ultimi permettevano al conducente di modificare l'altezza della Sprint Zagato dal suolo con la semplice pressione di un tasto.

A ogni modo, l'esemplare in fondo alla pagina è in condizioni eccellenti e ha percorso pochissimi chilometri. Di unità all'epoca ne furono prodotte soltanto 1.000 (più altre 278 convertibili), e queste caratteristiche contribuiscono ad un valore immenso.

Al giorno d'oggi Alfa Romeo è concentrata su poche vetture, ma nel prossimo futuro ha intenzione di espandere la gamma elettrificandola, pertanto è in arrivo un nuovo SUV ibrido di medie dimensioni. Il vertice dell'offerta della casa italiana è però la Giulia, che di recente è stata presentata in versione GTA e GTAm: i preordini sono già esauriti.

FONTE: carscoops
Quanto è interessante?
2
Alfa RomeoAlfa RomeoAlfa RomeoAlfa RomeoAlfa RomeoAlfa RomeoAlfa RomeoAlfa RomeoAlfa RomeoAlfa RomeoAlfa Romeo