Alfa Romeo Giulietta, pronto il ritorno? Ecco come potrebbe essere

Alfa Romeo Giulietta, pronto il ritorno? Ecco come potrebbe essere
di

Ecco un render di quella che potrebbe essere una nuova versione di Alfa Romeo Giulietta, uscita di scena nel 2020. Con alle spalle un restyling nel 2013 e nel 2016 questa compatta vendette quasi 80.000 unità in tutta Europa.

Al suo posto (quasi) Alfa Romeo Tonale, un SUV compatto, lanciato nel 2022 ha in parte ereditando il ruolo precedentemente occupato dalla Giulietta. Nel 2024, il suo fratellone, l'Alfa Romeo Milano, si proporrà di attirare un'altra parte della clientela. Nonostante ciò, Jean-Philippe Imparato, il direttore generale di Alfa Romeo, non esclude la possibilità di reintrodurre una berlina compatta tradizionale nella gamma.

Riguardo a questa prospettiva, ha recentemente dichiarato ai colleghi di Autocar UK che "una berlina compatta potrebbe rappresentare una significativa fonte di profitto", soprattutto ora che Alfa Romeo può beneficiare della forza di Stellantis. Chissà se il gruppo non stia davvero pensando ad una nuova berlina compatta in questo periodo di corsa all'elettrificazione (ecco un altro render della Alfa Romeo Giulietta che vi abbiamo proposto).

Per una potenziale nuova versione della Giulietta, le prospettive sembrano quindi più brillanti grazie all'appartenenza di Alfa Romeo al colosso Stellantis. La casa automobilistica potrebbe beneficiare della moderna piattaforma tecnica STLA Medium, recentemente introdotta con la Peugeot e-3008, che consente la produzione di 2 milioni di veicoli all'anno. Questa base modulare è adatta sia a veicoli elettrici che a motori a combustione interna, con opzioni di trazione o trazione integrale attraverso due motori elettrici. Con un'autonomia elettrica di 700 km e una potenza di 400 CV, potrebbe persino aprirsi la strada a una futura Giulietta GTA elettrica.

In un mercato delle compatte chic, dominato da vetture come l'Audi A3, la BMW Serie 1 e la Mercedes Classe A, una nuova Giulietta avrebbe il potenziale per farsi strada grazie alla sua eredità di eleganza e prestazioni distintive. Con la sua nuova base tecnologica e il supporto di Stellantis, potrebbe colmare il vuoto lasciato dalla Giulietta precedente e competere con successo in un segmento che ha visto il consolidamento di marchi premium nel corso degli ultimi decenni.

Questo testo include collegamenti di affiliazione: se effettui un acquisto o un ordine attraverso questi collegamenti, il nostro sito potrebbe ricevere una commissione in linea con la nostra pagina etica. Le tariffe potrebbero variare dopo la pubblicazione dell'articolo.

Iscriviti a Google News Rimani aggiornato seguendoci su Google News! Seguici
Unisciti all'orda: la chat telegramper parlare di videogiochi