INFORMAZIONI SCHEDA
di

La stavamo aspettando e finalmente è arrivata. Dopo una marcata assenza dal mercato durata circa un decennio, la famosa Katana di Suzuki è finalmente ritornata, portando direttamente dal 1980 lo stile e la potenza che hanno reso famosa la “spada” della casa giapponese con sede a Hamamatsu.

«Forgiata nel mito. La nuova Katana riprende le linee della mitica Katana del 1981 rivedendole in chiave moderna. Un nome che riflette rispecchia le linee precise e taglienti di una moto perfettamente bilanciata...proprio come la spada Katana», recita il sito ufficiale dell’azienda.

Dopo il concept presentato all’EICMA 2017 ed il deposito del marchio, era facile sospettare che Suzuki avesse in serbo un annuncio per la sua famosa due ruote. L’unica cosa che rimaneva in sospeso era il “quando”.

Dimenticate le ultime e più sportive generazioni del modello che ha segnato la fine dell'eredità venticinquennale del 2006: nella sua opera di remake, Suzuki ha deciso di riportare l'estetica originale della Katana GSX 1100S del 1981, riprendendo a piene mani alcuni di quegli elementi stilistici che furono introdotti da Hans Muth.

In un opera che non scontenterà né i puristi né i neofiti, Katana 2020 riporta il faro quadrato e la corposa carenatura, aggiungendo quel tocco di “bagliore LED” che porta la nuova Katana al passo con gli standard attuali. Due sole colorazioni, una grigia e una nera, tutto per uno stile minimalista e un'impostazione di guida personalizzata.

L'impronta del modello è la stessa del GSX-S1000F, con una lunghezza totale di 87 pollici e un passo da 57,4 pollici. Il sedile della moto e il nuovo assetto segnano il ritorno della Katana al segmento delle sport-touring, determinando un forte distacco dalle ambizioni sportive dei modelli precedenti.

È interessante notare l’introduzione della sella posta a 825 mm da terra che, con una conformazione molto rastremata nella zona di congiunzione con il nuovo serbatoio da 12 litri di capacità, punta maggiormente sull’accessibilità, ma sacrifica parte della sua autonomia.

Il cuore di questa nuova Katana sarà lo stesso della sportiva GSX-R1000R che, con una potenza di 150 Cv a 10.000 giri, garantirà alla nuova Suzuki un temperamento decisamente “bollente”.

L’aerodinamica? All’anteriore, La moto monta una forcella telescopica rovesciata KYB da 43 mm e, al posteriore, un singolo ammortizzatore regolabile. Nella parte anteriore, la potenza frenante è assicurata da un set di doppi dischi da 310 mm abbinati a due pinze Brembo a quattro pistoncini, mentre nella parte posteriore la moto è equipaggiata con una pinza Nissin a pistone singolo.

Non manca l'elettronica, sotto forma di un controllo di trazione selezionabile su tre diverse posizioni, mentre, al momento, non è ancora giunta notizia circa la possibilità di modificare, o meno, la mappatura e i programmi di guida.

Suzuki ha in programma di annunciare il prezzo della nuova Katana 2020 verso gli inizi di Aprile, con l'intenzione di portare la moto negli showroom americani il prossimo Autunno.

Quanto è interessante?
1
Alcuni interessanti dettagli sulla nuova Suzuki Katana 2020