Acquistare l'auto nuova: è questo il momento giusto?

Acquistare l'auto nuova: è questo il momento giusto?
di

I ragazzi di Autocar hanno provato a scoprire l'andamento dei prezzi delle auto durante questo ultimo periodo, interessato dalla riapertura progressiva delle concessionarie e dal parziale ritorno agli acquisti di medio-lungo termine (non sempre verificatisi), come quelli che in genere riguardano il settore automobilistico.

Il portale inglese ha già scoperto che i produttori di auto paiono essere molto meno inclini alle trattative, e non hanno alcuna intenzione di ridurre i propri margini di profitto concedendo sconti. Il lockdown ha profondamente colpito il bilancio di tutte le case automobilistiche, e il rigore sui prezzi dovrebbe restare allo stato attuale fino alla fine di quest'anno.

Contemporaneamente non è impossibile che questa posizione si affievolisca quando tutti gli stabilimenti avranno ripreso al 100 percento le proprie attività, soprattutto se la domanda dei consumatori continuerà a restare bassa. Il discorso è ancora differente per quanto concerne i produttori di vetture di lusso che, come la recessione del 2008 ci insegna, in questi periodi ritrovano quasi azzerate le proprie vendite in favore di auto meno costose da acquistare e soprattutto da mantenere.

Passando all'usato e basandoci ancora una volta sui precedenti, potremmo dire che la probabilità di un boom di questo mercato sia alquanto alta, almeno fino all'estate del prossimo anno, in attesa che l'economia trovi il suo assestamento. Questo trend è causato dal desiderio dei consumatori di risparmiare, ma anche di appropriarsi del prodotto nel modo più veloce possibile, dato che spesso dall'ordine alla consegna di un'auto passano in media 12 settimane. Infine, un altro fattore da tenere in considerazione in questo senso, è la restituzione massiccia delle auto in leasing, che andrà ad allargare la flotta di vetture da rivendere o concedere nuovamente in uso.

Nel frattempo la situazione viene ancora più allontanata dai binari usuali, almeno sul suolo statunitense, dove migliaia di riottosi che ben poco hanno a che fare con le vere manifestazioni di protesta per la tragica morte di George Floyd, hanno deciso di assaltare le concessionarie (FCA e Mercedes-Benz), rubando, vandalizzando o addirittura bruciando completamente gli esemplari fermi in negozio.

FONTE: autocar
Quanto è interessante?
2