A Londra le colonnine di ricarica si fanno invisibili, a bordo strada

A Londra le colonnine di ricarica si fanno invisibili, a bordo strada
di

Appena qualche giorno fa vi abbiamo dato notizia di come a Verona siano stati installati i primi pali della luce smart, con WiFi e ricarica rapida per i veicoli elettrici. Nel Regno Unito sono andati anche oltre, installando prese di corrente a terra, a bordo strada.

Le classiche stazioni di ricarica sono considerate antiestetiche da molti, inoltre se si vuole fornire la ricarica sulle strade è impossibile installare colonnine ogni 5-6 metri. Oltre ai pali della luce, la soluzione sembra venire direttamente dall'asfalto: la società Connected Kerb, specializzata proprio nella costruzione di punti di ricarica a bordo strada, ha collaborato con il Southwark Council per realizzare le prime "colonnine" pubbliche a livello strada.

Si tratta di un escamotage alquanto geniale che permette di nascondere le classiche colonne per il collegamento dei veicoli EV. Che sia davvero questo il futuro per le nostre strade? È probabile, c'è però ancora molto da lavorare: al momento questi bocchettoni invisibili offrono una potenza compresa fra i 3 e i 7 kW, quando già oggi altri sistemi (come i Supercharger di Tesla) offrono potenze oltre i 100 kW e si punta ai 350 kW.

Significa che una Nissan Leaf da 40 kWh impiegherà circa 13 ore per una ricarica completa, dunque non le basta una notte intera. Ancor peggio va con le batterie più grandi, del resto esistono già oggi modelli superiori ai 60 kWh. Nonostante questo, il sindaco di Londra Sadiq Khan sta lavorando duramente per portare nuovi punti di ricarica ai suoi cittadini e la soluzione di Connected Kerb potrebbe presto arrivare in diverse zone della città.

Quanto è interessante?
4
A Londra le colonnine di ricarica si fanno invisibili, a bordo strada