75% italiani non cambierà auto entro il 2024: 'Prezzi alti e incertezza su motorizzazioni'

75% italiani non cambierà auto entro il 2024: 'Prezzi alti e incertezza su motorizzazioni'
di

Nonostante il parco auto italiano sia un disastro, con il 60% delle auto più vecchie di 10 anni, tre italiani su quattro non sono intenzionati a cambiare la propria vettura nel giro di 12 mesi. Questo quanto emerge dall'ultimo sondaggio condotto dalla società Areté in merito alla mobilità nel nostro Paese.

Come mai il 75% degli italiani non intende cambiare auto? Il primo motivo (42%) resta il prezzo troppo alto, tenendo conto che in media in Italia un'auto nuova costa sui 30mila euro .

Secondariamente ci sono troppe incertezze circa l'alimentazione da scendere (34%). Infine il terzo motivo, un 4 per cento degli intervistati che teme dei tempi di consegna troppo lunghi.

Per quanto riguarda il budget a disposizione, l'83 per cento non intende spendere più di 30mila euro per una nuova vettura, mentre il 21 per cento dichiara di non poter spendere più di 10mila euro, una cifra purtroppo troppo bassa se si vuole acquistare un'auto nuova. Di conseguenza per coloro che hanno poca disponibilità l'unica opzione resta il mercato dell'usato, dove comunque stanno aumentando i prezzi.

Interessante come il 50% degli intervistati sarebbe disposto a cambiare auto se i prezzi fossero più accessibili, mentre il 27% lo farebbe se vi fosse più certezza in merito alle motorizzazioni, vedendo quindi un po' di incertezza fra elettriche, ibride e termiche.

Massimo Ghenzer, presidente di Areté, ha dichiarato commentando l'ultima survey: "I nostri dati rivelano un evidente disallineamento tra l’offerta di veicoli e la domanda italiana. Qualcosa però sembra stia cambiando, come si evince dai recenti annunci dei produttori, che dichiarano per i prossimi anni un ritorno ai segmenti di ingresso alla mobilità. Un’occasione da non perdere per incontrare le esigenze del cliente medio, che oggi preferisce rinviare il cambio dell’auto".

In merito alle motorizzazioni comunque il 43 per cento punta sull'ibrido, il 16 per cento sul diesel e il 15 per cento un Gpl, mentre il 13 per cento sceglie il benzina, stessa percentuale del full electric. Infine, per quanto riguarda cosa si attendono gli automobilisti da un'auto nuova, il 30 per cento un buon rapporto qualità/prezzo, il 20 per cento bassi consumi, il 17 la sicurezza, il 13 il comfort e l'1 per cento l'affidabilità.