50 anni di Golf: il 29 marzo 1974 Volkswagen produceva la prima unità a Wolfsburg

50 anni di Golf: il 29 marzo 1974 Volkswagen produceva la prima unità a Wolfsburg
di

Oggi 29 marzo si festeggia un compleanno eccellente nel mondo automotive: il 29 marzo 1974 Volkswagen produceva la sua prima Golf, un modello best seller che ancora oggi è un assoluto classico.

Per il brand tedesco la Golf fu una vera e propria rivoluzione, a Wolfsburg si passava infatti dalle linee stondate del Maggiolino agli spigoli della nuova creazione disegnati da Giorgetto Giugiaro e Volkswagen Design. Nata nello stabilimento “madre” di Volkswagen, dove viene prodotta ancora oggi, soltanto presso l’impianto di Wolfsburg sono state assemblate più di 20 milioni di Golf. Al di fuori della cittadina tedesca, invece, sono state oltre 17 milioni le unità prodotte, provenienti sostanzialmente da Belgio, Brasile, Cina, Malesia, Messico, Slovacchia e Sud Africa. Si può dunque tranquillamente dire che la Golf è stata un modello di successo in tutto il mondo, esempio di come l’ingegneria tedesca fosse decisamente avanzata all’epoca della sua creazione - e di come abbia saputo reggere il passo attraverso i decenni.

La prima generazione di Golf, la Golf I, riuscì a vendere fino al 1983 ben 6,9 milioni di unità, la vera pietra miliare però fu la Golf II, sviluppata dal capo progettista dell’epoca Herbert Schäfer. Arrivarono tecnologie come il catalizzatore, l’ABS e la trazione integrale, novità capaci di far vendere altre 6,3 milioni di unità. Con la Golf III il focus finì sulla sicurezza, con il primo sistema di controllo della velocità di crociera e i primi airbag laterali, oltre al primo motore a 6 cilindri VR6. Questa generazione ha piazzato 4,8 milioni di esemplari fino al 1997.

Con la Golf IV la vettura diventa una vera e propria icona di stile, oltre che di potenza, grazie alla Golf R32 in grado di toccare i 250 km/h. Nel suo arco vitale ha venduto 4,9 milioni di unità. Sono state invece 3,4 milioni le Golf V vendute grazie a una scocca saldata al laser e all’aumento della rigidità torsionale del 35%. Con questa generazione è avvenuto il debutto del cambio DSG a 7 rapporti. Nel luglio del 2012 è poi arrivata la Golf VI, capace di ottenere le 5 Stelle EuroNCAP e vendere altre 3,6 milioni di unità.
Con la Golf VII è stato diminuito il peso e di conseguenza i consumi, sono inoltre stati introdotti numerosi ADAS; un successo clamoroso per questo modello, capace di vendere 6,3 milioni di unità. Nell’ottobre 2019 è stata infine lanciata la Golf VIII, che ha portato nuove motorizzazioni ibride (la nostra prova della Golf VIII in versione Mild Hybrid) e funzioni avanzate come il Travel Assist.

Ora, nel 2024, è atteso un restyling dell’ottava generazione, l’ultimo dell’era termica prima dell’avvento della nuova Golf IX elettrica.

Questo testo include collegamenti di affiliazione: se effettui un acquisto o un ordine attraverso questi collegamenti, il nostro sito potrebbe ricevere una commissione in linea con la nostra pagina etica. Le tariffe potrebbero variare dopo la pubblicazione dell'articolo.

Iscriviti a Google News Rimani aggiornato seguendoci su Google News! Seguici
Unisciti all'orda: la chat telegramper parlare di videogiochi
Volkswagen GolfVolkswagen GolfVolkswagen GolfVolkswagen GolfVolkswagen GolfVolkswagen GolfVolkswagen GolfVolkswagen GolfVolkswagen GolfVolkswagen GolfVolkswagen GolfVolkswagen GolfVolkswagen GolfVolkswagen Golf