Ecco a voi le 5 Hot Rods più importanti di sempre: le immagini

Ecco a voi le 5 Hot Rods più importanti di sempre: le immagini
di

Il Detroit Autorama 2020, un evento automobilistico dall'atmosfera davvero fantastica, si prepara a mostrare una selezione di hot rods, definite come:"Le Hot Rods più Importanti del 20esimo Secolo."

L'evento è il momento giusto per dare un'occhiata alle ultimissime e mai viste prima hot rods e vetture modificate di vario genere, e potrete ammirarle tutte tramite la galleria di immagini in fondo alla pagina.

Tra queste la Ford Model T del 1922 di Norm Grabowski, che è stata la più famosa hot rod dei tardi anni '50, ed è conosciutissima tutt'ora. Grabowski ha mescolato una Ford Model T Touring del '31 con parti di una Model A attraverso grande ingegno e tanto gusto. In seguito vi fu inserito un blower 3-71 Cadillac del 1951 e ha ricevuto una verniciatura di colore nero. Fu chiamata Lightnin'Bug ed è apparsa nel 1955 al Grand National Roadster Show.

La seconda macchina è la Ford Roadster del 1932 di Bob McGee. Se in genere chiedete a qualcuno di immaginare una hot rod, è molto probabile che nella sua mente appaia proprio lei. E' infatti stampata nell'immaginario collettivo per la sua apparizione sul decimo numero di Hot Rods nell'ottobre del 1948, che all'epoca fu un magazine di grande successo.

Successivamente c'è la Ford Model T del 1925 di Tommy Ivo. Quest'ultimo si è chiaramente ispirato al lavoro di Grabowski, ma non per questo la sua creatura è meno impattante. Molto interessante il fatto che Ivo abbia ritrovato la macchina in pessime condizioni mentre giaceva in un deserto del sud della California, incastrata in un albero di yucca.

Ed "Big Daddy" Roth è uno degli hot rodders più famosi tra quelli non convenzionali, ed è famoso per quanto portato alla luce con la sua "The Outlaw" del 1957. Roth ha abbandonato la pratica di mettere in piedi hot rods tratte da auto da produzione per gettarsi nella creazione di carrozzerie completamente nuove. Basta dare un'occhiata al suo gioiello, basato sul telaio di una Ford Model A.

L'ultimo veicolo proviene sempre dal genio di Ed Roth, ed è da lui stato denominato "Beatnik Bandit". Questa volta non ha lavorato da solo, ma si è fatto aiutare dal noto designer e illustratore Joe Henning, che ha immaginato la vettura dell'ultima immagine. Come potete vedere anche in questo caso si tratta di un qualcosa di lontanissimo dall'ordinario, in quanto la carrozzeria è stata disegnata da zero, e i passeggeri vengono separati dall'ambiente circostante da una cupola di vetro.

A proposito di vecchie Ford è stata appena riscoperta in Pennsylvania una incredibile collezione di auto d'epoca in eccellente stato di conservazione e dal valore inestimabile, e che verranno battute presto in tre differenti aste. Non molto tempo fa è stato al contempo messo a listino un misterioso lotto da 80 auto e 30 motori, ma in questo caso la condizione dei pezzi non è proprio il massimo.

FONTE: motortrend
Quanto è interessante?
1
Il Mondo delle AutoIl Mondo delle AutoIl Mondo delle AutoIl Mondo delle AutoIl Mondo delle Auto