Ufficiali gli incentivi auto e moto in Lombardia: si arriva a 8.000 euro

La Lombardia ha ufficializzato gli incentivi regionali per auto e moto green, che si potranno richiedere a partire dal prossimo 1 marzo 2021.

speciale Ufficiali gli incentivi auto e moto in Lombardia: si arriva a 8.000 euro
Articolo a cura di

Se siete residenti in Lombardia e state aspettando il momento giusto per acquistare un'auto elettrica (o una moto a zero emissioni), beh potrebbe essere arrivato. La giunta regionale ha infatti approvato la delibera che mette a disposizione dei cittadini ben 36 milioni di euro in due anni per l'acquisto di auto, ciclomotori e motoveicoli a trazione elettrica ma non solo. Come vedremo nel corso dell'articolo, ci sono sconti anche per vetture poco inquinanti. Per il primo anno, il 2021, saranno 18 i milioni di euro disponibili, i restanti 18 invece arriveranno nel 2022. Nel frattempo vi spieghiamo quale sarà la roadmap degli incentivi. Innanzitutto l'11 febbraio prossimo verrà pubblicato l'avviso per la profilazione dei rivenditori sul sito www.bandi.regione.lombardia.it. Dal 20 febbraio invece sarà disponibile il bando attuativo, grazie al quale i cittadini potranno leggere i dettagli delle promozioni attive. Il bando sarà infine aperto a partire dal prossimo 1 marzo, data a partire da cui i cittadini potranno presentare domanda e chiedere i contributi - erogati poi dal concessionario tramite uno sconto diretto.

Veicoli compatibili e fasce di sconto

Sarà infatti il concessionario a ricevere un rimborso dalla regione in seguito all'acquisto, è necessario però che il cittadino "prenoti" lo sconto sul sito dei bandi regionali. Ma come verrà assegnato il contributo? Secondo l'ordine cronologico di prenotazione online, fino a esaurimento fondi. Per accedere al massimo contributo possibile è necessario rottamare un'auto inquinante, è però possibile avere vantaggi ridotti anche senza rottamare nulla. I veicoli validi per la promozione sono quelli di nuova immatricolazione oppure immatricolati successivamente all'1 gennaio 2020, dunque l'iniziativa si può definire "retroattiva" - e immaginiamo che in caso di acquisto già effettuato sia il cittadino a ricevere il rimborso diretto, per questo aspettiamo la pubblicazione del bando. Ma passiamo alle categorie di veicoli compatibili e le varie fasce di sconto. Chi può rottamare un veicolo inquinante e acquista un'auto elettrica a batteria oppure a idrogeno ha diritto a uno sconto di 8.000 euro, cumulabili con i 10.000 euro offerti da governo e concessionari (fino a un massimo di 18.000 euro). In caso non si possa rottamare nulla, lo sconto regionale sarà di 4.000 euro. Con l'acquisto di un'auto con emissioni di CO2 inferiori a 60 g/km e NOX inferiore a 85,8 mg/km il contributo sarà di 5.000 euro, con emissioni inferiori a 60 g/km e NOX inferiore a 126 mg/km abbiamo 4.000 euro di sconto, stessa cifra di chi sceglie un'auto con emissioni comprese fra 61 e 119 g/km e NOX inferiore a 85,8 mg/km.

Si scende a 3.000 euro con veicoli con emissioni comprese fra 61 e 110 g/km e NOX inferiore a 126 mg/km, stessa cifra delle auto con emissioni comprese fra 111 e 145 g/km e NOX inferiore a 85,8 mg/km. Infine 2.000 euro per chi sceglie un'auto con emissioni comprese fra 111 e 145 g/km con NOX inferiore a 126 mg/km. La rottamazione non è obbligatoria solo in caso di acquisto di nuova auto elettrica, per tutti gli altri casi è invece richiesta. Si possono rottamare veicoli di categoria M1 per il trasporto di persone fino a Euro 2 per la benzina, fino a Euro 5 per il diesel.

Sconti anche per le due ruote

Sono previsti dei contributi regionali anche per l'acquisto di moto e scooter elettrici, con e senza rottamazione. Il massimo sconto ottenibile è pari a 3.000 euro/30% di sconto sul prezzo base di acquisto rottamando una vettura, rottamando un motociclo invece la Regione Lombardia mette sul piatto 2.000 euro/20% di sconto sul prezzo concordato con il venditore. Senza rottamare nulla abbiamo invece 1.000 euro/10% di sconto sul prezzo di acquisto. Tutto ciò riguarda i cittadini privati, prossimamente invece arriveranno nuove regole per sostituire i veicoli commerciali più inquinanti.