Sono Sion, l'elettrica tedesca a energia solare che costa meno di 30.000 €

Sono Motors ha presentato ufficialmente la sua Sono Sion, l'elettrica a energia solare che costa meno di 30.000 euro.

speciale Sono Sion, l'elettrica tedesca a energia solare che costa meno di 30.000 €
INFORMAZIONI SCHEDA
Articolo a cura di

È ormai qualche anno che le grandi compagnie automotive del mondo portano al CES di Las Vegas (conosciuto anche come Consumer Electronics Show) alcune delle loro migliori novità. In questo 2021 ricorderemo l'evento USA soprattutto per la nuova Sono Sion, un'auto elettrica ingegnerizzata in Europa che può caricare la sua batteria interna (anche) con l'energia solare. Non sarà forse questa la novità che vi farà portare le mani ai capelli, aspettate però di sentire il prezzo. Nei mesi passati abbiamo visto qualche nuova vettura solare essere annunciata in pompa magna, per poi vedere l'entusiasmo spegnersi all'arrivo del prezzo di listino. Pensiamo alla Lightyear One ad esempio, berlina premium che costa la bellezza di 149.000 euro. La tedesca Sono Motors adesso ribalta la situazione, lanciando un'auto a energia solare che tutti possono permettersi: la nuova Sion sarà infatti disponibile in Europa a partire da 21.429 euro (prezzo tasse escluse, con la nostra IVA dovremmo arrivare attorno ai 26.000/27.000 euro), come annunciato da Thomas Hausch di Sono Motors che ha presentato la vettura in live streaming appena qualche ora fa. Ma cosa acquistiamo esattamente per questa cifra?

Rivoluzione solare a meno di 30.000 euro

Per meno di 30.000 euro portiamo nel nostro garage un'auto elettrica con un motore da 120 kW e 270 Nm di coppia istantanea, in grado di raggiungere 140 km/h di velocità massima - può sembrare poco ma effettivamente rispetta appieno il nostro codice della strada! La Sono Sion però ha anche una sorprendente convenienza post-vendita: grazie a 248 pannelli solari in polimeri impiantati direttamente nella carrozzeria dell'auto, la Sion può caricare fino a 35 km al giorno con la sola forza del Sole. La sua batteria da 35 kWh può essere però ricaricata anche tramite rete elettrica, in modo classico, magari di notte quando il Sole viene a mancare: in totale abbiamo 255 km di autonomia con una carica completa secondo il più recente (e affidabile) standard WLTP. A proposito di ricarica: Sono Motors afferma che con ricarica veloce CCS bastano 30 minuti per una carica completa, con una presa Type 2 3 ore e mezza, con una classica Schuko che possiamo collegare anche a casa ci vogliono invece 13 ore.

Dal punto di vista del design, bisogna ammetterlo, la Sion non è certo la vettura più accattivante mai vista. Esteriormente non dimostra un grande carattere, può persino risultare un po' anonima, bisogna ricordare però che gli ingegneri Sono hanno sfruttato la carrozzeria per installare i pannelli solari, e ricavare così quanta più superficie funzionale possibile. Il risultato è una piccola "monovolume", spaziosa sia per gli occupanti che per eventuali bagagli, con un bagagliaio da ben 650 litri. Inoltre la Sion può trainare fino a 750 kg di peso.

Energia in entrata e uscita

Dulcis in fundo, la Sono Sion può non solo prendere energia da una rete ma può cederla ad altri; se un'altra auto elettrica è a secco e ha bisogno di energia, la Sion può fungere da enorme powerbank, Sono Motors ha infatti diffuso una foto che ritrae la Sion ricaricare una Tesla. A proposito di Tesla, all'interno la Sion sembra aver imparato a menadito la lezione impartita dalle auto di Elon Musk.

Minimalismo quasi estremo, pochissimi pulsanti essenziali, un grande schermo centrale per l'infotainment, anche se non raggiungiamo i 15 pollici della Model 3 (in realtà forse c'è anche un pizzico di Volkswagen ID.3).
Che vi piaccia o meno il lavoro della Sono Motors, siamo di certo di fronte a una piccola rivoluzione: un'auto a energia solare dal prezzo quantomai accessibile, e parliamo soltanto della prima generazione. In futuro avremo probabilmente veicoli con pannelli solari ancora più performanti, dal prezzo sempre più basso. Acquistare auto ecosostenibili e dalle spese di gestione irrisorie non sembra più un sogno irraggiungibile, anzi, ora è solo questione di tempo.