Quale citycar elettrica acquistare? Le migliori proposte del mercato

Arrivati ormai al 2020, i tempi per acquistare una citycar elettrica potrebbero essere maturi: vediamo cosa offre il mercato.

Quale citycar elettrica acquistare? Le migliori proposte del mercato
Articolo a cura di

Il giorno in cui Elon Musk ha deciso di investire in un'azienda di auto 100% elettriche, ormai 16 anni fa, aveva già un piano molto preciso: creare immediatamente una supercar costosa per raccogliere denaro liquido, la Tesla Roadster. Denaro da investire per la creazione di vetture premium ma più accessibili, come la Model S e Model X, che ancora oggi costano non meno di 88.900 euro (e a salire oltre i 100.000 euro).
Con i ricavi di queste vetture Tesla si sarebbe potuta finalmente dedicare alla creazione di un'elettrica accessibile a un pubblico di massa, la Model 3, che in Italia costa oggi 49.500 euro ed è il ticket meno costoso per accedere al mondo Tesla. Questa evoluzione viene applicata spesso in campo industriale, non solo nel settore automotive; un settore che ora sembra essere finalmente pronto a offrire al pubblico il gradino più basso di questa scala: le citycar elettriche. Anche se i prezzi non sono ancora alla pari delle controparti a benzina, è comunque chiaro come la tecnologia elettrica sia ormai matura per essere montata con successo anche su vetture di dimensioni minuscole. Andiamo dunque a scoprire le citycar 100% elettriche che possiamo acquistare nel 2020.

SEAT Mii Electric

SEAT, essendo parte del Gruppo Volkswagen, è uno dei marchi più attivi in campo elettrico. In attesa dell'accattivante El-born, sicuramente appartenente a una categoria superiore, parliamo oggi della nuova Mii Electric. Meno di 4 metri di lunghezza, più di 250 litri di bagagliaio, un'unica variante a listino super accessoriata, con autonomia fino a 260 km su ciclo combinato urbano ed extraurbano.

Una vettura pratica e maneggevole, che si ricarica facilmente anche a casa, non solo tramite le colonnine rapide che troviamo in città. Include il climatizzatore automatico "Climatronic", cerchi in lega da 16", i sedili riscattabili, il sistema di mantenimento della corsia, la radio con 6 altoparlanti e display a colori da 5 pollici, luci diurne a LED - oltre all'integrazione con l'app SEAT DriveMii. SEAT la propone con anticipo 0 e 179 euro al mese.

Famiglia Renault Z.E.

Con Renault tocca aprire un capitolo a parte, poiché il marchio francese ha due vetture elettriche a listino e presto ne avrà una terza - tutte della famiglia Z.E.. La prima, e anche la più piccola, è la mitica Renault Twizy, che parte da 7.500 euro. Parliamo probabilmente del veicolo elettrico a quattro ruote più maneggevole del mercato, con batteria a noleggio a partire da 50 euro al mese (36 mesi e 7.500 km/anno), questo canone però può essere ritagliato appositamente sulle vostre esigenze.
Con la nuova Renault ZOE abbiamo a che fare con un'auto vera e propria, infatti il prezzo sale a 25.900 euro con batteria a noleggio da 74 euro al mese. La vettura si presenta con fari Full LED, cerchi in lega da 16" o 17", sistema multimediale EASY LINK, motore da 100 kW ma soprattutto con un'autonomia fino a 395 km WLTP grazie alla batteria da 52 kWh - niente male per questo tipo di vettura.

La terza in arrivo è la nuova Renault Twingo Z.E., presentata praticamente poche ore fa. Questa volta l'autonomia arriva fino a 250 km con uso cittadino, dunque siamo un gradino al di sotto della ZOE e dobbiamo aspettarci di conseguenza un prezzo inferiore (la batteria del resto è da 22 kWh, cosa che influirà non poco sul listino).

Smart EQ fortwo

Se non avete limiti di budget, la Smart EQ fortwo è indubbiamente la regina delle citycar elettriche. Certo le sue dimensioni ultra compatte, fondamentali per parcheggiare nelle grandi città, hanno costretto gli ingegneri a montare una batteria relativamente piccola, con la quale percorrere 160 km con una singola carica. Un'autonomia comunque sufficiente per la maggior parte degli utilizzi cittadini, un problema inesistente per chiunque abbia la possibilità di connettere l'auto a una colonnina durante il giorno di lavoro oppure abbia un garage privato in cui installare una WallBox.

Con il caricatore di bordo da 22 kW bastano inoltre 40 minuti per riportare l'accumulatore dall'80%. La Smart EQ fortwo si può anche controllare a distanza grazie all'app smart EQ Control, con la quale impostare la preclimatizzazione e visualizzare lo stato di carica, anche dall'Apple Watch.

Peugeot iOn

Torniamo adesso sui territori della Seat Mii Electric con la francese iOn, una vettura cinque porte lunga appena 3,4 metri, con motore elettrico da 47 kW e una coppia di 180 Nm. La sua velocità massima è di 130 km/h, vanta però riprese estremamente vivaci e impiega appena 3,5 secondi per passare da 30 km/h a 60 km/h.

Con la Peugeot iOn si percorrono fino a 150 km anche grazie al recupero ottimizzato dell'energia, un'autonomia cittadina dunque ma comunque sufficiente a coprire il 90% dei percorsi quotidiani - secondo il brand francese inferiori ai 60 km. Collegata a una presa domestica, si ricarica in appena 6 ore, a una colonnina DC invece per riavere il 50% dell'energia bastano appena 15 minuti, 30 minuti per l'80%. Il prezzo? Si parte attorno ai 27.000 euro.

Citroen C-Zero

Se il design della iOn vi piace ma non volete arrivare a spendere quasi 30.000 euro, la Citroen C-Zero saprà convincervi con i suoi 12.950 euro di partenza (a listino da 30.965 euro, attualmente in promozione sul sito Citroen con uno sconto di 18.016 euro). Con questa cifra abbiamo un'auto con 49 kW di potenza, alimentata da una batteria da 14,5 kWh garantita 8 anni oppure 100.000 km. La velocità massima è di 130 km/h mentre la sua autonomia arriva a 150 km, anche in questo caso sufficienti a coprire i percorsi quotidiani in città.

Lunga appena 3,47 metri, ha un design davvero molto simile alla Peugeot iOn, con la quale condivide la piattaforma elettrica del Gruppo PSA. Inoltre connessa a una presa elettrica casalinga, la C-Zero si ricarica in 6-11 ore, a seconda dell'amperaggio. Bastano invece 30 minuti per riportare la batteria all'80% presso una colonnina con corrente monofase da 125 ampere. Nonostante le sue dimensioni compatte e i quattro posti omologati, la C-Zero offre anche 166 litri di bagagliaio.

Volkswagen e-up!

Chiudiamo con la Volkswagen e-up!, aggiornata di recente con ancora più autonomia e tecnologia rispetto alla generazione precedente. Con un ticket d'ingresso di 23.350 euro, la e-up! vi offre sensori di parcheggio posteriori, telecamera Rear View, Cruise Control, e-sound per avvertire i pedoni del vostro passaggio, volante multifunzione in pelle, cerchi in lega da 15", privacy glass, specchietti retrovisori in tinta carrozzeria, illuminazione ambiente.

La nuova e-up! vanta poi una potenza di 61 kW e 83 CV, con un'autonomia WLTP stimata di 260 km, tecnologicamente parlando dunque siamo un passettino avanti rispetto a molta concorrenza, del resto Volkswagen ha lanciato la nuova generazione da poche settimane. Prenderla a 79 euro al mese con gli incentivi statali e la rottamazione (con finanziamento Volkswagen s'intende) potrebbe non essere un cattivo affare.