Opel Grandland X: il SUV tedesco che piace agli italiani

La casa tedesca rinnova il suo SUV Grandland X, che da poco ha festeggiato i 100.000 esemplari ordinati dalla sua commercializzazione.

speciale Opel Grandland X: il SUV tedesco che piace agli italiani
INFORMAZIONI SCHEDA
Articolo a cura di

La SUV mania che impazza ormai da tempo ha travolto anche Opel, che con la sua Grandland X ha superato - in questo mese di settembre - i 100.000 ordini in appena un anno di vita.
Lanciato nel 2017 al Salone di Francoforte, il grande SUV tedesco ha convinto il pubblico per le sue linee sportive, il suo aspetto fiero e solido, per la tecnologia a bordo (vedremo fra pochissimo cosa offre il sistema OnStar con WiFi Hotspot) e un prezzo di partenza molto concorrenziale, che con la nuova generazione si è stabilizzato a 26.000 euro per l'allestimento Advance.
Pur essendo il modello entry level della gamma, il Grandland X Advance offre non poco ai suoi clienti: Opel è riuscita a inserire nel pacchetto i cerchi in lega da 17", i fari diurni a LED anteriori e posteriori, gli specchietti retrovisori ripiegabili elettricamente, il clima bi-zona, il freno a mano elettrico, il sistema di infotainment IntelliLink 7" con OnStar, i sensori di parcheggio anteriori e posteriori, il volante in pelle, il Cruise Control, lo Speed Sign Recognition e il Lane Departure Warning.

Grandland X si rinnova

A metà gamma troviamo invece la Grandland X Innovation, che aggiunge cerchi in lega da 18", il navigatore con schermo da 8", il sistema Keyless Open&Start, il portellone hands-free, il sistema che controlla il blind spot dello specchietto, le prese 12V per il bagagliaio e i sedili posteriori (che hanno anche una porta USB), i vetri posteriori oscurati, i pacchetti Versatility e Sight & Light. Tutto questo comporta un aumento di 2.200 euro, che porta dunque il prezzo a 28.200.
Per ottenere il massimo dalla Grandland X bisogna invece scegliere l'allestimento Ultimate, con cerchi in lega da 19" Diamond, il tetto nero, fari Full LED, il sistema Opel Eye (che controlla la velocità del veicolo, la distanza di sicurezza, legge i segnali stradali e mantiene l'auto in corsia automaticamente) e l'Advanced Park Assist; in aggiunta anche la telecamera a 360 gradi, un wireless charger per i telefoni compatibili, un impianto audio Denon Premium, i pacchetti Plug e Winter e la pedaliera sportiva come ciliegina sulla torta. Questa versione "full optional" parte da 32.400 euro.

Opel Connect

Fiore all'occhiello tecnologico della Grandland X è sicuramente il sistema OnStar con hotspot WiFi, un vero e proprio assistente a 360 gradi che bada alla sicurezza, all'assistenza e alla connettività. I suoi servizi, come annunciato da Opel, cesseranno il 31 dicembre 2020, in previsione del nuovo Opel Connect.
A oggi, OnStar è in grado di effettuare una chiamata di soccorso automatica in caso di incidente, di richiedere assistenza tecnica in caso di guasto, inoltre il suo servizio di chiamata di emergenza 24 ore su 24 ci aiuta per qualsiasi difficoltà medica: vertigini, svenimenti o altro.

In caso di furto, OnStar può aiutare le forze dell'ordine a localizzare il veicolo, le sue qualità di assistente personale però possono entrare in gioco anche in caso di eccessiva stanchezza, basta un tasto per richiedere la prenotazione di un hotel all'ultimo minuto.
È possibile anche ottenere una diagnostica generale delle condizioni del veicolo, in modo da organizzare ogni viaggio in totale sicurezza, collegando l'app companion su smartphone. OnStar è stato creato anche pensando al divertimento dei passeggeri, offre infatti un hotspot WiFi per far connettere diversi dispositivi all'interno dell'abitacolo - per la gioia di tutti gli occupanti.