Nuova Fiat Tipo: prezzo, allestimenti e nuove versioni

La nuova Fiat Tipo si presenta sul mercato italiano con un prezzo competitivo e una dotazione di tutto rispetto, per un modello a tre volumi di cui sentiremo molto parlare nel 2016.

speciale Nuova Fiat Tipo: prezzo, allestimenti e nuove versioni
INFORMAZIONI SCHEDA
Articolo a cura di

Il brand Tipo è uno dei marchi storici dell'automobilismo nostrano moderno. Anche se non si trattava di un'auto di lusso, la Tipo ha raccolto, nel corso della sua lunga carriera, un grande successo di pubblico, merito anche dei costi d'acquisto contenuti, che ne hanno fatto un enorme successo commerciale. Sono passati poco più di vent'anni dall'uscita dal mercato di questa fortunata vettura, e Fiat, anzi FCA (Fiat Chrysler Auto) ha deciso di riportarla in Europa, dopo una prima presentazione in Turchia, paese scelto per l'assemblaggio del veicolo, dove ha debuttato qualche mese fa con il nome di Fiat Aegea. La casa torinese ci ha preso gusto con i nomi del passato, altri esempi recenti sono Bravo, Croma e 500, senza dimenticare la 124 Spider, presentata da poco al Los Angeles Auto Show 2015. I punti di contatto con l'illustre predecessore non mancano, del resto la nuova tre volumi nasce per fornire più spazio rispetto alle auto presenti nella fascia di prezzo in cui è proposta, senza però entrare in un segmento superiore, esattamente come accadde nel 1988 con il lancio della Tipo, creata per fornire un'alternativa tra la Uno e la Tempra.

Un po' di storia

La storia della Fiat Tipo è durata ben sette anni, in cui i primi modelli base sono stati rivisti nelle prestazioni, nell'estetica e nelle dotazioni di sicurezza. Ma partiamo dall'inizio, nel 1988, quando la Tipo è stata chiamata a sostituire la Fiat Ritmo, ormai troppo datata per gli standard dell'epoca. Assemblata nello stabilimento di Cassino, fu la prima Fiat ad adottare una carrozzeria zincata, per sopperire al problema della corrosione, che colpì molte vetture del gruppo torinese in quel periodo. Il nuovo modello portò alla creazione di una linea produttiva innovativa, in grado di realizzare 1000 modelli al giorno, mentre successivamente l'auto fu portata anche in Brasile e assemblata negli impianti di Betim. Per la categoria a cui apparteneva, la Tipo offriva uno spazio interno ampio e soluzioni tecniche innovative, che la portarono a vincere il premio "Auto dell'anno" nel 1989. Basti pensare che il telaio impiegato è stato poi utilizzato anche per altre auto del gruppo, come la Tempra e la Fiat Coupè, ma anche per diversi modelli Lancia e Alfa Romeo, con modifiche più o meno intensive, limitando così i costi produttivi.
Tornando alla Tipo, nel corso del tempo ha visto il susseguirsi di tante versioni diverse, con potenza e soluzioni tecnologiche crescenti. Parlando di motori, nel 1988 erano disponibili tre versioni benzina, 1.100 Fire da 56 cv, 1.400 da 71 e 76 cv e 1.600 da 82 e 86 cv, e due diesel, il 1.700 da 58 cv e il 1.900 turbo da 90cv. Si è passati poi a varianti davvero potenti per questo tipo di vettura, come il 1.800 i.e. da 136 cv del 1989. Nel tempo i modelli sono stati anche arricchiti con diversi sistemi dedicati alla sicurezza, come l'ABS a quattro canali e l'airbag lato giuda, presenti nell'allestimento HSD del 1994, tra gli ultimi ad uscire da uno stabilimento Italiano, in favore delle sostituite Fiat Bravo e Brava. La Fiat di oggi è un'altra cosa, ma anche il mercato è cambiato molto ed è diventato globale, nonostante questo il nome Tipo è ancora molto popolare nel nostro paese.

La nuova Tipo

L'arrivo della nuova vettura a marchio Fiat ha diviso il pubblico, soprattutto sul lato estetico. Questo rispecchia alla perfezione il mercato attuale, e basta guardare i modelli disponibili per vedere che le vetture tre volumi economiche non sono molte, segno che tante case automobilistiche hanno deciso di non puntare su questo segmento, almeno in Italia. La macchina prodotta in Turchia infatti è stata concepita per i mercati orientali e per l'Europa dell'est, dove sarà più apprezzata. La calandra e il cofano cercano di dare un aspetto leggermente sportivo, ma la sezione posteriore e in generale il design rimangono di stampo classico, mostrando una vettura più pratica che bella da vedere.
Le linee non sono originali, ma i prezzi sono interessanti, grazie alla promozione ideata da Fiat per il lancio. Si parte da 12.500 € per il benzina 1.400 da 95 cavalli, che in seguito costerà 14.500 €, per passare ai 16.500 € del 1.600 MultiJet da 120 cavalli (18.700€ al termine dell'offerta), entrambi in versione Opening Edition. L'allestimento più lussuoso, l'Opening Edition Plus, è disponibile solo per il diesel, ad un costo di 17.700 €, salendo a 19.900 € al termine della promozione.
L'iniziativa è prevista solo per gli acquirenti che daranno in permuta o rottameranno un'altra vettura e durerà fino al 31 dicembre, anche se sembra proprio che FIAT rimanderà il termine dello sconto al 2016.
Come anticipato, gli allestimenti disponibili sono due, Opening Edition e Opening Edition Plus. I modelli Opening Edition includono il climatizzatore automatico, sensori di parcheggio posteriori, radio CD con bluetooth e comandi al volante e i fendinebbia. Inclusi nel prezzo anche i cerchi in lega da 16", dettagli cromati, finestrini e specchietti elettrici, sedile regolabile in altezza e portellone posteriore con apertura automatica. La Opening Edition Plus da accesso a un sistema di infotainment UConnect con display touch da 5", per gestire musica, messaggi e la navigazione satellitare. Altre aggiunte all'elettronica di bordo riguardano la telecamera posteriore, il Cruise Control, specchi elettrocromici e sensore di pioggia e crepuscolare. Di serie anche i cerchi in lega da 17". A meno che non si voglia la variante color "Bianco gelato", bisogna mettere in conto anche la vernice metallizzata, un optional da 700€.

Il progetto di Fiat per la nuova Tipo non si ferma qui e saranno previsti altri modelli, più adatti al mercato Europeo e Italiano. Nel corso del 2016 saranno infatti lanciate una variante Station Wagon e una due volumi, che sostituirà la Bravo nel segmento di competenza, il contrario di quanto avvenuto venti anni fa.
Nel frattempo, la vettura è stata accolta con interesse dal pubblico, come dimostrato dall'affluenza nelle concessionarie FIAT per l'iniziativa "Porte Aperte". Fino ad ora hanno fatto capolino 20.000 visitatori e sono stati effettuati 6000 test drive. Visto il successo, FIAT ha deciso di proporre nuovamente l'iniziativa nei weekend a venire, fino al 20 di dicembre, ottime occasioni per vedere dal vivo e provare la nuova Fiat Tipo.