Mercedes-AMG GT: in arrivo la mostruosa GT-R e due varianti cabrio

La vettura ad alte prestazioni della Casa di Stoccarda allargherà presto la sua gamma con una versione pensata anche per la pista e due varianti cabrio.

speciale Mercedes-AMG GT: in arrivo la mostruosa GT-R e due varianti cabrio
Articolo a cura di

La celebre AMG, fondata nel 1967, deriva il suo nome dalle iniziali dei cognomi dei suoi fondatori (Hans Werner Aufrecht e Erhard Melcher) e dalla cittadina tedesca in cui è nata (Großaspach). Questa azienda si è fatta conoscere, sin dai primi anni ‘70, per le sue elaborazioni di vetture Mercedes, entrando a far parte del gruppo tedesco nel 2005. E' nota al livello internazionale per la filosofia "Un uomo, un motore"; ogni propulsore AMG presenta, infatti, una targhetta con la firma dell'addetto che ne ha curato completamente l'assemblaggio. Nel corso della sua storia questo marchio è stato utilizzato su vetture ad altissime prestazioni da corsa e di serie, ricordiamo ad esempio le auto da competizione del campionato DTM o la "mostrusosa" SLS AMG Black Edition. Oggi, in particolare, ci occupiamo della Mercedes-AMG GT, una coupè sportiva dalle linee sinuose, equipaggiata con un motore V8 bi-turbo di 4.0 litri. Questa vettura, già disponibile nella versione standard ed "S" sarà presto affiancata da un'edizione "R" ancora più performante e da due varianti cabrio.

Mercedes-AMG GT , un'elegante coupè sportiva con una potenza fino a 510 cavalli

La linea della Mercedes AMG GT colpisce sin dal primo sguardo per via del lungo cofano che ospita il motore il V8 sovralimentato. Il design generale trae diretta ispirazione da quello della SLS, anche se qui spariscono le portiere ad ali di gabbiano. Il frontale è sempre caratterizzato da una grossa calandra con aggressive prese d'aria che ritroviamo anche lateralmente. L'abitacolo è spostato verso il posteriore dove spiccano i due grossi scarichi, l'alettone posteriore estraibile e le luci posteriori dalla forma decisamente allungata. Passiamo ora all'analisi delle caratteristiche tecniche. Per contenere il peso, il telaio space frame è realizzato in alluminio, una soluzione che ha permesso di ottenere un peso a vuoto di 1615 kg. L'alluminio è stato, inoltre, usato anche per le sospensioni, a doppi triangoli sovrapposti, e per i supporti ruota.

Questa vettura può vantare un'ottima ripartizione delle masse, 47% all'anteriore e 53% al posteriore, merito della configurazione "transaxle" (motore anteriore, cambio al posteriore). Il cambio è un doppia frizione a sette rapporti "Speedshift DCT AMG" accoppiato ad un differenziale autobloccante (meccanico oppure elettronico in base al modello). Motore e cambio sono collegati tra loro da un leggero albero di trasmissione realizzato in carbonio. La vettura è equipaggiata con un motore 8 cilindri disposti a V, bi-turbo, con una cilindrata di 3.982 cm³ in grado di erogare, sulla versione GT, una potenza massima di 462 CV a 6000 giri/minuto ed una coppia massima di 600 Nm. La versione GT-S ha, invece, una potenza massima di 510 CV a 6.250 giri/minuto e la coppia aumentata a 650 Nm. Per quanto riguarda le prestazioni, la versione GT è in grado di accelerare da 0-100 km/h in 4,0 secondi, con una velocità massima limitata elettronicamente di 304 km/h. La GT-S va da 0 a 100 km/h in 3,8 secondi, con una velocità massima limitata elettronicamente di 310 km/h. Un breve cenno all'elettronica di quest'auto che integra, ovviamente, tutte le migliori tecnologie della Casa di Stoccarda, tra cui l'AMG Dynamic Select per la selezione delle modalità di guida come la Controlled Efficiency, la Sport, la Sport Plus e la Individual. Non dimentichiamo, inoltre, tutto il pacchetto Intelligent Drive di Mercedes, che include numerosi sistemi di sicurezza, e le avanzate dotazioni di bordo come il sistema audio Sound System Surround High-End Burmeste, un impianto con ben 11 altoparlanti con una potenza complessiva di 1.000 Watt. Ricordiamo anche il raffinato sistema d'infotainment Comand Online che raggruppa tutte le funzioni di navigazione, telefono, audio, video, Internet su un display da 21,3 cm ad alta definizione che sfrutta anche un disco fisso da 250 GB. Citamo, infine, il Mercedes Me Connect, il servizio per il controllo da smartphone di alcuni parametri e funzionalità della vettura (diagnostica, riscaldamento e molto altro ancora). Come da tradizione Mercedes, le possibilità di personalizzazione sono, praticamente, infinite grazie anche all'AMG Performance Studio che offre un'ampia gamma di equipaggiamenti speciali per gli esterni, per l'abitacolo e che consente di installare su questa vettura freni carboceramici e gli scarichi sportivi Performance che migliorano ulteriormente il sound del V8. Concludiamo con gli interni in grado di accogliere due occupanti, con una plancia elegante e molto moderna e un design ispirato al mondo dell'aeronautica. Decisamente capiente il bagagliaio, da 350 litri. Infine i prezzi, con la standard che parte da circa 127.000 euro e la S da 146.000 euro. Questa si distingue dalla versione "base" oltre che per il motore più potente, anche per la presenza di sospensioni elettroniche, cerchi e pneumatici di diverso tipo, impianto di scarico più sportivo e differenziale elettronico autobloccante.

Mercedes-AMG GT R, massime performance con 585 CV

La gamma della AMG-GT si amplierà nel 2017 con l'arrivo della versione R, una variante pensata in particolare per l'utilizzo in pista, dalle prestazioni ancora più estreme ed un aspetto decisamente aggressivo. Le differenze con la GT standard sono subito evidenti grazie ad un'aerodinamica completamente rivisitata. Le carreggiate anteriori e posteriori sono più larghe di 4,6 e 5,7 cm, lo spoiler frontale ha dimensioni maggiori e sul posteriore è stato montano un alettone dalle generose dimensioni. Inoltre dietro il paraurti anteriore sono stati installati degli elementi mobili, controllati elettronicamente, che variano la loro posizione a seconda della velocità.

Nuova anche la mascherina, ripresa dalla GT3 (bolide da competizione pensato per l'omonimo campionato FIA) e l'estrattore posteriore con scarico centrale. Su questo modello il tetto è in carbonio, materiale con cui è anche realizzato l'albero di trasmissione, ora più leggero del 40%. Rispetto alla GT S, la GT R ha un peso inferiore di 90 kg, con il pacchetto aerodinamico che garantisce un carico a terra superiore di 155 chili. Interessanti aggiornamenti sono stati introdotti anche sul propulsore 4.0 biturbo che può vantare 585 CV con una coppia di 700 Nm. Il nuovo impianto di scarico in titanio è ora più leggero di ben 5,9 kg, mentre la trasmissione rimane quasi del tutto invariata. Questa ha, però, una nuova logica di funzionamento con un primo rapporto accorciato ed un settimo più lungo. Tutti questi interventi consentono alla GT R di toccare i 100 km/h da fermo in 3,6 secondi e di raggiungere una velocità massima di 318 km/h. Sulla GT R troviamo, inoltre, l'asse posteriore sterzante che migliora l'agilità in curva. Fino a 100 km/h le ruote posteriori girano in controfase rispetto a quelle anteriori, mentre a velocità superiori si muovono in fase, per migliorare la stabilità. L'assetto è stato completamente riprogettato e ottimizzato anche per l'utilizzo in pista. Infine non dimentichiamo la nuova colorazione AMG Green Hell Magno, mentre nell'abitacolo troviamo sedili AMG Performance e rivestimenti di Pelle Nappa e microfibra.
Questa vettura arriverà sul mercato nel 2017 con un prezzo ancora da definire.

AMG GT e AMG GT C roadster, due versioni cabrio dalla diversa personalità

Concludiamo la nostra analisi dell'AMG GT con le versioni cabrio che verranno presentate al prossimo Salone di Parigi (1-16 ottobre). Si tratta di due vetture scoperte che si differenziano sia dal punto di vista estetico, sia nel design. Entrambe montano una capote in tela (disponibile nelle tinte nero, beige e rosso) a movimento elettrico (azionabile fino a 50 km/h, in 11 secondi), dalle dimensioni particolarmente contenute, con un portellone dal design inedito.

Dal punto di vista meccanico, l'AMG GT Roadster adotta lo stesso V8 biturbo da 4.0 litri della Coupé, mentre la GT C Roadster adotta un'inedita variante con 557 CV e 680 Nm di coppia. Diverse, quindi, anche le prestazioni, con la GT che raggiunge i 302 km/h di velocità massima, impiegando quattro secondi per toccare i 100 km/h con partenza da fermo; la GT C Roadster arriva, invece, a 316 km/h, ed impiega 3,7 secondi nello 0-100. La GT C è derivata direttamente dalla GT R da cui riprende anche alcune soluzioni tecniche e stilistiche. È dotata del differenziale a controllo elettronico dell'asse posteriore sterzante e delle sospensioni AMG Ride Control, mentre l'assetto prevede cerchi da 19" anteriori e 20" posteriori. Troviamo passaruota allargati e paraurti sportivi. La dotazione di serie include anche gli interni di pelle Nappa, il volante sportivo AMG Performance e l'impianto di scarico sportivo con valvole parzializzatrici, gestito in abbinamento ai settaggi dell'AMG Drive Select.

Mercedes La Mercedes AMG-GT, famosa anche per essere la “safety car” utilizzata in Formula 1, si distingue da altre vetture sportive come Porsche 911 e Audi R8 per l’utilizzo di un’architettura con motore anteriore e trazione posteriore. Soluzione tecnica che influisce anche sul design, caratterizzato da un lungo cofano con l’abitacolo spostato verso il posteriore. La AMG-GT può, inoltre, vantare un motore decisamente esuberante con potenze fino a 510 cavalli per la versione S. Cavalli che salgono a 585 nell’allestimento R, una variante decisamente aggressiva adatta anche all’uso in pista. Infine non dimentichiamo le due versioni cabrio che differiscono sia dal punto di vista estetico sia da quello meccanico, con potenze fino a 557 CV.